Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16892 del 11/08/2020

Cassazione civile sez. trib., 11/08/2020, (ud. 09/10/2019, dep. 11/08/2020), n.16892

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Presidente –

Dott. CONDELLO Pasqualina A.P. – Consigliere –

Dott. FEDERICI Francesco – Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello Maria – Consigliere –

Dott. MAISANO Giulio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1016-2018 proposto da:

CONTINENTAL AUTOMOTIVE GMBH, elettivamente domiciliata in ROMA VIA

GRESCENZIO 91, presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO LUCISANO, che

la rappresenta e difende unitamente avvocati ALESSIA VIGNOLI,

RAFFAELLO LUPI;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE;

– intimata –

avverso la sentenza n. 477/2017 della COMM. TRIB. REG. SEZ. DIST. di

PESCARA, depositata il 24/05/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

09/10/2019 dal Consigliere Dott. GIULIO MALSANO.

 

Fatto

RILEVATO

che con sentenza n. 477/7/17 pubblicata il 24 maggio 2017 la Commissione Tributaria Regionale dell’Abruzzo ha accolto l’appello proposto dall’Agenzia delle Entrate avverso la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Pescara n. 337/1/15 con la quale era stato accolto il ricorso proposto dalla Continental Automotive GMBH avverso il diniego di rimborso delle ritenute sugli interessi corrisposti dalla Continental Automotive Italy s.p.a., soggetto residente in Italia a soggetto residente in altro Stato dell’Unione. La Commissione Tributaria Regionale ha ritenuto legittimo il diniego di rimborso impugnato in quanto la Continental Automotive GMBH non aveva consentito all’amministrazione finanziaria di accertare la sussistenza dei presupposti del richiesto rimborso non rispondendo al questionario all’uopo indirizzato alla sede legale dell’appellata, e non essendo sufficiente l’autodichiarazione presentata con l’istanza di rimborso.

La Continental Automotive GMBH ha proposto ricorso per cassazione ritualmente notificato avverso tale sentenza affidato ad un unico motivo.

L’Agenzia delle Entrate è rimasta intimata.

Considerato che con l’unico motivo si lamenta violazione e/o falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 26 quater; documentazione probatoria degli elementi costitutivi della fattispecie esentativa; si deduce il carattere fortuito ed incolpevole del mancato riscontro al questionario e l’irrilevanza delle informazioni ivi richieste; si lamenta inoltre la violazione e/o falsa applicazione del D.Lgs. n. 143 del 2005, art. 2, e si deduce che gli elementi informativi eventualmente richiesti potevano comunque essere integrativi ed ulteriori rispetto a quelli che già corredavano l’istanza di rimborso.

Il ricorso è fondato. Il D.P.R. n. 600 del 1973, art. 26 quater, comma 6, nel disciplinare il presupposto per il rimborso della ritenuta sugli interessi, non prevede espressamente la risposta ad un questionario, ma anche dichiarazioni rilasciate dal beneficiario in ordine alla sussistenza di determinati requisiti. La Commissione Tributaria Regionale si è limitata a considerare la mancata risposta ad un questionario inviato dall’amministrazione finanziaria, ma tale elemento non è sufficiente, proprio perchè non previsto espressamente dalla legge, mentre devono comunque essere considerati eventuali ulteriori elementi forniti dal medesimo beneficiario a sostegno della prova della sussistenza dei requisiti di legge per godere del beneficio in questione.

La sentenza impugnata va dunque cassata con rinvio alla medesima Commissione Tributaria Regionale dell’Abruzzo in diversa composizione che provvederà a considerare ed a valutare se la documentazione prodotta dall’attuale ricorrente sia conforme a quanto richiesto dal citato art. 24 quater comma 6; il medesimo giudice provvederà al regolamento delle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il ricorso;

Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Commissione Tributaria Regionale dell’Abruzzo in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 9 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 11 agosto 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA