Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16888 del 11/08/2020

Cassazione civile sez. trib., 11/08/2020, (ud. 18/09/2019, dep. 11/08/2020), n.16888

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Presidente –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. CONDELLO Pasqualina A.P. – Consigliere –

Dott. D’ORAZIO Luigi – Consigliere –

Dott. PANDOLFI Catello – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 27339-2013 R.G. proposto da:

A.S., rappresentata e difesa dall’avv.ti Giovanni

Maccagnani e Luigi Manzi elettivamente domiciliato in Roma via F.

Confalonieri n. 5.

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato con domicilio in Roma via dei Portoghesi n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Veneto

sezione di Verona n. 47/15/13 depositata il 6 maggio 2013.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 18 settembre

2019 dal Consigliere Catello Pandolfi.

 

Fatto

RILEVATO

Il sig. A.S. ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza della Commissione Tributaria del Veneto sezione di Verona n. 47/15/13 depositata ii 6 maggio 2013.

La vicenda trae origine dalla notifica di due avvisi di accertamento relativi agli anni d’imposta 2005 e 2006 con i quali veniva rilevato in applicazione del c.d. redditometro, un maggior reddito imponibile.

Il ricorso del ricorrente veniva respinto dalla Commissione Tributaria Provinciale e il successivo appello solo parzialmente accolto dal giudice d’appello.

Il ricorso per cassazione è basato su un unico motivo per non corrispondenza tra il chiesto e pronunciato.

Ha resistito l’Agenzia delle Entrate con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

Nel corso del giudizio l’Agenzia delle Entrate, con nota del 11.09.2019, formulava istanza di estinzione del giudizio per cessazione della materia del contendere ai sensi del D.L. n. 193 del 2016, art. 6, allegando dichiarazione dell’Ufficio di (OMISSIS) dell’avvenuto perfezionamento della procedura. Il ricorrente, a sua volta, con nota del 18.06.2019 ha prodotto copia della documentazione relativa al pagamento di quanto dovuto.

Pertanto, sussistono le condizioni per disporre l’estinzione del giudizio.

PQM

Dichiara estinto il giudizio per intervenuta definizione agevolata della controversia del D.L. n. 193 del 2016, ex art. 6.

Così deciso in Roma, il 18 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 11 agosto 2020

 

 

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA