Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16861 del 15/06/2021

Cassazione civile sez. trib., 15/06/2021, (ud. 23/02/2021, dep. 15/06/2021), n.16861

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRUCITTI Roberta – Presidente –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. CONDELLO Pasqualina – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – Consigliere –

Dott. VENEGONI Andrea – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19746-2014 proposto da:

B.L., elettivamente domiciliata in ROMA, LARGO SOMALIA

67, presso lo studio dell’avvocato GRADARA RITA, che la rappresenta

e difende;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA SUD SPA, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA XXIV MAGGIO

43, presso lo studio dell’avvocato PURI PAOLO, che la rappresenta e

difende;

– controricorrente –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende;

– resistente-

avverso la sentenza n. 550/2014/1 della COMM. TRIB. REG. LAZIO,

depositata il 31/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

23/02/2021 dal Consigliere Dott. VENEGONI ANDREA.

 

Fatto

RITENUTO

Che:

B.L. impugnava l’intimazione di pagamento relativa ad irpef 1993 deducendo l’omessa notifica della cartella esattoriale presupposta, e ricorre a questa Corte contro il rigetto del ricorso e dell’appello pronunciati rispettivamente dalla CTP di Roma e dalla CTR del Lazio.

Si costituisce Equitalia Sud con controricorso.

Successivamente, dopo avere aderito alla procedura di definizione agevolata di cui al D.L. n. 119 del 2018, la contribuente depositava atto di rinuncia al ricorso.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

Con i motivi di ricorso la contribuente deduceva vizi della notifica della cartella presupposta, nonchè del contenuto della cartella stessa.

La contribuente ha, successivamente, rinunciato al ricorso avendo aderito alla procedura di definizione agevolata ex D.L. 119 del 2018.

L’atto di rinuncia è stato notificato all’Avvocatura dello Stato per conto di Equitalia. Occorre, pertanto, dichiarare estinto il giudizio per sopravvenuta rinuncia, con compensazione delle spese. Non sussistono i presupposti per il pagamento del “doppio contributo”, ai sensi del D.Lgs. n. 115 del 2002, art. 13.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio per sopravvenuta rinuncia.

Compensa tra le parti le spese del presente giudizio.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 23 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 15 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA