Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1685 del 24/01/2020

Cassazione civile sez. VI, 24/01/2020, (ud. 23/10/2019, dep. 24/01/2020), n.1685

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Maria Margherita – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 33219-2018 proposto da:

T.T., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

MONTELEONE GIUSEPPE;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (OMISSIS), in

persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso la sede dell’AVVOCATURA

dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso dagli avvocati TRIOLO

VINCENZO, SFERRAZZA MAURO, CORETTI ANTONIETTA, STUMPO VINCENZO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 472/2018 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 03/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 23/10/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ESPOSITO

LUCIA.

Fatto

RILEVATO

Che:

la Corte d’appello di Palermo confermava la sentenza del giudice di primo grado che aveva rigettato la domanda proposta da T.T., diretta ad accertare l’illegittimità della pretesa dell’Inps di procedere alla ripetizione della somma di Euro 20.110,48, relativa a indennità di disoccupazione non spettante nel periodo 1/1/2005 31/12/2009;

la Corte territoriale rilevava che il giudice di primo grado “ha ritenuto … che la prova del versamento dell’indennità in parola fosse “documentata” dai prospetti allegati alla produzione di primo grado dell’Istituto e che le ragioni giustificative della pretesa restitutoria potessero rinvenirsi nelle risultanze del verbale di accertamento ispettivo del 13.4.2010, all’esito del quale era stato disconosciuto il rapporto di lavoro formalmente instaurato tra T.T. e L.B.”, soggiungendo che tali affermazioni non avevano costituito oggetto di censura da parte dell’appellante, il quale non aveva contestato la regolarità formale e la veridicità contenutistica dei prospetti prodotti dall’Istituto – nei quali erano “agevolmente riscontrabili sia i singoli numeri matricola, accompagnati dal codice fiscale e dalla data di nascita del T., relativi a ciascun provvedimento di liquidazione dell’indennità di disoccupazionetche le modalità di versamento (a mezzo di pagamento diretto) della provvidenza nonchè l’ammontare del debito e la sua causale (non risulta iscritto negli elenchi agricoli)”;

avverso la sentenza propone ricorso per cassazione T.T. sulla base di unico articolato motivo;

l’Inps resiste con controricorso;

la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio non partecipata.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

Con l’unico motivo il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione dell’art. 2697 c.c., nella parte in cui la Corte territoriale ha ritenuto assolto l’onere della prova gravante a carico dell’Inps sull’effettiva erogazione della indennità di disoccupazione, oltre a violazione e falsa applicazione dell’art. 2033 c.c. e omessa e contraddittoria motivazione su un punto decisivo della controversia;

rileva che, se pur vero che in materia di richiesta di restituzione dell’indennità di disoccupazione agricola, laddove sia disconosciuta la sussistenza di un rapporto subordinato in agricoltura, grava sul lavoratore l’onere di provare la sussistenza del rapporto ex art. 2094 c.c., tuttavia tale onere è subordinato alla precisazione, nel provvedimento amministrativo di recupero del credito, degli estremi del pagamento, corredati dalla sintetica indicazione delle ragioni che non legittimerebbero la corresponsione delle somme erogate, così da consentire al debitore di effettuare i necessari controlli sulla correttezza della pretesa, laddove la comunicazione dell’istituto datata 3/3/2015 non rivestiva gli indicati requisiti: in assenza di tale indicazione e in costanza di contestazione della percezione delle somme di cui è richiesta la restituzione, l’onere di dimostrare di non averle ricevute, integrante probatio diabolica, non poteva essere addossato al ricorrente ma incombeva sull’Inps la prova dell’avvenuta erogazione, essendo a tal fine insufficiente la produzione dei prospetti degli archivi informatizzati dell’Istituto;

il motivo è inammissibile per quanto attiene al vizio di motivazione, dedotto con formulazione che esula dai parametri prescritti dalla nuova formulazione dell’art. 360 c.p.c., n. 5 (Cass. 8053/2014), nonchè quanto alla censura attinente alla violazione dell’art. 2697 c.c., poichè nessuna violazione dell’onere della prova è ravvisabile nel ragionamento della Corte territoriale che ha ritenuto idonei a dimostrare l’avvenuta corresponsione delle somme richieste in ripetizione i prospetti prodotti dall’Istituto, non contestati quanto alla regolarità formale e alla veridicità contenutistica, nei quali erano agevolmente riscontrabili sia i singoli numeri di matricola, accompagnati dal codice fiscale e dalla data di nascita del T., relativi a ciascun provvedimento di liquidazione dell’indennità di disoccupazione che le modalità del versamento, a mezzo di pagamento diretto della provvidenza, nonchè l’ammontare dell’indebito e la sua causale, relativa alla mancata iscrizione negli elenchi agricoli;

va richiamato in proposito il principio, consolidato nella giurisprudenza di legittimità, in forza del quale “nel vigore del novellato art. 115 c.p.c., a mente del quale la mancata contestazione specifica di circostanze di fatto produce l’effetto della “relevatio ad onere probandi”, spetta al giudice del merito apprezzare, nell’ambito del giudizio di fatto al medesimo riservato, l’esistenza ed il valore di una condotta di non contestazione dei fatti rilevanti, allegati dalla controparte”, con conseguente insindacabilità di tale apprezzamento in sede di legittimità (Cass. n. 3680 del 07/02/2019, conforme Cass. n. 27490 del 28/10/2019);

alla luce della ritenuta valenza probatoria dei prospetti allegati dall’Inps, poi, nessuna violazione dell’art. 2033 c.c. è ravvisabile;

in base alle svolte argomentazioni il ricorso va rigettato, con liquidazione delle spese secondo soccombenza, non potendo trovare applicazione il disposto di cui all’art. 152 disp. att. c.p.c. in assenza di trascrizione e specifica localizzazione di idonea dichiarazione sostitutiva.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 2.500,00 di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali nella misura del 15 % e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 23 ottobre 2019.

Il Presidente Adriana Doronzo

Depositato in Cancelleria il 24 gennaio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA