Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16834 del 07/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 07/07/2017, (ud. 23/02/2017, dep.07/07/2017),  n. 16834

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – rel. Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20030/2011 proposto da:

I.N.P.S. ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F. (OMISSIS)

in persona del suo Presidente e legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli

avvocati ALESSANDRO RICCIO, LUIGI CALIULO, ANTONELLA PATTERI, SERGIO

PREDEN, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

P.S. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

MARIANNA DIONIGI 29, presso lo studio dell’avvocato MARINA MILLI,

rappresentato e difeso dall’avvocato ALDO LICCI, giusta delega in

atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 281/2011 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 01/03/2011 R.G.N. 1756/09;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

23/02/2017 dal Consigliere Dott. UMBERTO SERRINO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avvocato GIUSEPPINA GIANNICO per delega verbale Avvocato

ANTONELLA PATTERI.

Fatto

FATTI DI CAUSA

P.S. chiese al giudice del lavoro del Tribunale di Lecce di dichiarare non dovuta all’Inps la somma di Euro 55.177,95, pretesa a titolo di recupero di indebito originato dal cumulo, in relazione al periodo novembre 1994 – giugno 1999, della pensione da esso ricorrente goduta dal 19.12.1978, dopo che era stato collocato in quiescenza a carico di un fondo esclusivo presso il Banco di Napoli – a quell’epoca istituto di credito di diritto pubblico – col reddito percepito successivamente.

In effetti, dal mese di gennaio del 1979 a quello di giugno del 1999 il P. aveva svolto attività lavorativa alle dipendenze di un altro istituto, con conseguente percezione di altro trattamento pensionistico supplementare a carico dell’Inps.

Il giudice adito accolse la domanda e tale decisione fu confermata dalla Corte d’appello di Lecce a seguito di impugnazione dell’Inps.

La Corte di merito spiegò che solo attraverso la norma di cui al D.L. n. 17 del 1983, art. 10, comma 7, convertito nella L. n. 79 del 1983, erano state estese al personale statale le norme sul divieto di cumulo tra pensione e retribuzione valide per i lavoratori del settore privato. Tuttavia, l’appellante, dipendente dal maggio del 1963, era andato in pensione nel 1978, sicchè nel suo caso non trovava applicazione la normativa successiva sul divieto di cumulo di cui sopra. Inoltre, il D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 10, comma 8, aveva previsto che ai lavoratori che alla data del 31/12/1994 erano titolari di pensione o che avevano raggiunto i requisiti contributivi minimi per la pensione di vecchiaia o di anzianità continuavano ad applicarsi le disposizioni più favorevoli della previgente normativa.

Per la cassazione della sentenza ricorre l’Inps con un motivo.

Resiste con controricorso il P., il quale deposita anche memoria ai sensi dell’art. 378 c.p.c..

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con unico motivo l’Inps denuncia violazione e falsa applicazione del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 503, artt. 9 e 10, e della L. 30 aprile 1969, n. 153, art. 22, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte di appello ritenuto applicabile in favore di P.S. la clausola di salvezza del regime previgente alle innovazioni introdotte, in punto di divieto di cumulo tra pensione e reddito, dal D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 10, con la conseguenza che il medesimo doveva considerarsi immune dal predetto divieto alla luce della previgente normativa, rappresentata, nel caso di specie, dall’allegato T alla L. 8 agosto 1895, n. 486, art. 39, che dettava una disciplina per cui, nei confronti dei pensionati del Fondo esclusivo del Banco di Napoli, non era contemplato il divieto in esame. Assume, invece, l’Inps che la disciplina del concorso tra pensione di anzianità e reddito da lavoro dipendente, già dettata dalla L. n. 153 del 1969, art. 22, è nel senso della totale incumulabilità, alla stregua di quanto successivamente previsto dal D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 10.

Il ricorso è fondato.

Invero, occorre prendere le mosse dalla circostanza dirimente, risultante dagli atti di causa, che alla data del 31.12.1994, tenendo conto di quanto previsto dal D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 10, comma 8, come novellato dalla L. n. 537 del 1993, art. 11, il P. non possedeva il requisito minimo contributivo di 35 anni, avendo iniziato a lavorare nel mese di maggio del 1963, per cui non aveva diritto al mantenimento del sistema del cumulo – fino ad allora goduto dal 1978, anno del pensionamento anticipato – della pensione col reddito percepito presso altro istituto nell’arco temporale novembre 1994 – giugno 1999, epoca, quest’ultima, di cessazione dell’attività lavorativa.

Al riguardo questa Corte ha, infatti, avuto occasione di affermare (Cass. sez. lav. n. 17360 del 23.7.2010) che “in materia di cumulo tra pensione di anzianità o vecchiaia e reddito da lavoro (dipendente o autonomo), la norma transitoria di cui al D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 10, comma 8, (come modificato dalla L. n. 537 del 1993, art. 11) – che consente anche dopo l’entrata in vigore della nuova disciplina il mantenimento del precedente regime se più favorevole – è subordinata all’unica condizione di aver completato entro il 31 dicembre 1994 la contribuzione minima della pensione, atteso che una diversa interpretazione condurrebbe da un lato a ritenere la norma dettata per la finalità ad essa estranea di incentivare l’esodo di coloro che, già in possesso alla data del 31 dicembre 1994 di tutti i requisiti per godere di un qualsiasi trattamento pensionistico (di anzianità o di vecchiaia) presso qualsiasi Istituto assicurativo, avrebbero un concreto vantaggio a collocarsi in quiescenza al fine di evitare il penalizzante sistema del cumulo tra pensione e redditi da lavoro, mentre, dall’altro, consentirebbe, illogicamente, a chi abbia maturato il diritto a pensione al dicembre 1994 di non essere assoggettato al cumulo tra pensione e redditi da lavoro in caso di concreto esercizio di tale diritto e di non potere, di contro, più usufruire di tale vantaggio in caso di protrazione del lavoro e posticipazione del collocamento in pensione”.

Tra l’altro, già con la sentenza n. 12323 del 21.8.2003, questa Corte aveva precisato che “ai fini della applicabilità della disciplina transitoria in materia di deroga al divieto di cumulo tra pensione di anzianità e lavoro autonomo, contenuta nel D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 10, comma 8, novellato dalla L. n. 537 del 1993, art. 11, il requisito contributivo minimo previsto dal medesimo articolo è da riferire ai trentacinque anni necessari per la pensione “di vecchiaia o di anzianità”, e non ad anzianità inferiori, previste per fruire di pensionamenti anticipati.

In effetti, il D.Lgs. n. 503 del 1992, riordinando il sistema previdenziale dei lavoratori privati e pubblici, vietò il cumulo delle pensioni di anzianità a carico dell’assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive con i redditi da lavoro dipendente (pensione intera) e con i redditi da lavoro autonomi (parte della pensione) (art. 10, comma 6).

Il legislatore ritenne però di salvaguardare i cosiddetti diritti quesiti e perciò protrasse l’inizio di efficacia del divieto, che non valse per i lavoratori che al 31 dicembre 1994 fossero già titolari di pensione ovvero avessero raggiunto “i requisiti contributivi minimi per la liquidazione della pensione di vecchiaia o di anzianità” (art. 10, comma 8).

Le questioni che ora si pongono sono: A) se titolare di pensione potesse considerarsi chi, avendone già diritto, tuttavia ancora non la percepisce; B) se l’espressione “requisiti contributivi minimi” possa riferirsi anche ai requisiti previsti dalla legge per il pensionamento anticipato ossia non solo a quelli della pensione a carico dell’assicurazione generale obbligatoria. In realtà, malgrado la letterale formulazione che sembra porre due alternativi requisiti (titolarità della pensione ovvero raggiungimento della contribuzione minima), l’art. 10, comma 8, cit. pone un solo requisito, che è quello della contribuzione minima, necessario e sufficiente per l’applicazione della precedente e più favorevole normativa in materia di cumulo fra pensione e retribuzione.

Infatti in un primo momento l’art. 10 cit., inserito nel D.Lgs. n. 503 del 1992, richiedeva solamente la formale titolarità della pensione. In un secondo momento il Legislatore, considerando evidentemente che il momento del conseguimento di questa titolarità, ossia del beneficio per il pensionato, poteva dipendere da un’attività puramente discrezionale del datore di lavoro o della pubblica amministrazione ed eventualmente anche dal caso, formulò di nuovo l’art. 10 attraverso la L. n. 537 del 1993, art. 11, ponendo il requisito della contribuzione minima, che assorbì il requisito previsto in precedenza, così come il più comprende il meno. Ciò significa in definitiva che il problema da porsi è se il requisito contributivo minimo possa essere, oltre quello previsto dalla legge per le pensioni di anzianità o di vecchiaia, anche quello, minore, previsto per il pensionamento anticipato. La risposta alla questione non può che essere negativa, così stabilendosi che il requisito di cui al D.Lgs. n. 503 del 1992, art. 10, comma 8, novellato dalla L. n. 537 del 1993, art. 11, sia da riferire ai trentacinque anni necessari per la pensione “di vecchiaia o di anzianità” e non ad anzianità inferiori, previste per fruire di pensionamenti anticipati. Questi ultimi, seppure mantengono la caratteristica di trattamenti previdenziali e non assistenziali, perseguono il fine di non lasciare prive dei mezzi di sussistenza persona costrette ad abbandonare l’occupazione a causa della crisi economica dell’impresa datrice di lavoro. Tali trattamenti attribuiscono perciò un beneficio al lavoratore, che tuttavia non ne sopporta il peso finanziario. La ragione del divieto di cumulo fra pensione anticipata e percezione di reddito da lavoro sta nel sopravvenuto difetto della causa di attribuzione del beneficio previdenziale, ossia nel venir meno dello stato di bisogno (di disoccupazione), grazie al reperimento di un nuovo lavoro, autonomo o subordinato. Per tal motivo la deroga al divieto non può applicarsi ai pensionati in anticipo, privi della contribuzione di trentacinque anni e perciò già favoriti dalla legge rispetto ai pensionati per anzianità o per vecchiaia.

Pertanto, il ricorso va accolto e l’impugnata sentenza va cassata con rinvio del procedimento alla Corte d’appello di Lecce in diversa composizione che verificherà se ricorrono i presupposti reddituali dello sconto, invocato con la domanda subordinata, di cui alle L. n. 662 del 1996, e L. n. 448 del 2001.

La stessa Corte provvederà anche in ordine alle spese del presente giudizio.

PQM

 

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese, alla Corte d’appello di Lecce in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 23 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 7 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA