Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16821 del 19/07/2010

Cassazione civile sez. I, 19/07/2010, (ud. 05/05/2010, dep. 19/07/2010), n.16821

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CARNEVALE Corrado – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – rel. Consigliere –

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

S.T. (C.F. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA PAOLO EMILIO 71, presso l’avvocato MARCHETTI

ALESSANDRO, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

RICCARDO LOPARDI, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI;

– intimata –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA, depositato il

02/04/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

05/05/2010 dal Consigliere Dott. MASSIMO DOGLIOTTI;

udito, per il ricorrente, l’Avvocato MARCHETTI che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PATRONE Ignazio che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso ritualmente depositato, S.T. impugnava il decreto della Corte d’Appello di Bologna aventi ad oggetto equa riparazione da irragionevole durata del procedimento del 29-02-2008, che aveva dichiarato improcedibile il ricorso, per mancata comparizione del ricorrente, ai sensi della L. n. 89 del 2001, art. 4.

Non hanno svolto attivita’ difensiva la Presidenza del Consiglio dei Ministri ne’ il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso va accolto.

La disciplina generale dei procedimenti in camera di consiglio (caratterizzati da celerita’ e semplificazione di forme, nonche’ da un preminente impulso officioso) di cui all’art. 737 c.p.c., e segg., non regola in alcun modo gli effetti della mancata comparizione delle parti. Essa e’ disposta dal Giudice nel loro interesse, per garantire il principio del contraddittorio. Per quanto osservato, alla mancata comparizione, non puo’ seguire pronuncia di improcedibilita’, nella convinzione che cio’ significhi rinuncia tacita alla procedura.

Nel procedimento di secondo grado, tale sanzione, condurrebbe per la parte, a conseguenze ben piu’ rigorose di quelle previste per l’appellante nel procedimento di cognizione (ai sensi dell’art. 348 c.p.c., comma 2, l’improcedibilita’ si pronuncia quando l’appellante omette di comparire, non solo alla prima udienza ma pure a quella successiva fissata dal Giudice). (al riguardo, v. Cass. n. 16884 del 2002).

Va dunque cassato il provvedimento impugnato con rinvio alla Corte di Appello di Bologna, in diversa composizione, che pure si pronuncera’ sulle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

LA CORTE accoglie il ricorso; cassa il decreto impugnato e rinvia alla Corte di Appello di Bologna, in diversa composizione, che pure si pronuncera’ sulle spese del presente giudizio di legittimita’.

Così deciso in Roma, il 5 Maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 19 luglio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA