Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16809 del 29/07/2011

Cassazione civile sez. lav., 29/07/2011, (ud. 16/06/2011, dep. 29/07/2011), n.16809

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. MANNA Antonio – rel. Consigliere –

Dott. FILABOZZI Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

I.R., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA MATTE’

TRUCCO 59, presso lo studio dell’avvocato COPPOLA DOMENICA,

rappresentata e difesa dagli avvocati CICCONE VINCENZO, SILVESTRI

NELLO giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DELLA FREZZA 17, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentato e difeso dall’avvocato CORETTI

ANTONIETTA, STUMPO VINCENZO, giusta delega in calce alla copia

notificata del ricorso;

– resistente con mandato –

avverso la sentenza n. 4656/2008 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 28/07/2009 r.g.n. 6864/04;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

16/06/2011 dal Consigliere Dott. ANTONIO MANNA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GAETA Pietro, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Pronunciando in sede di rinvio, con sentenza 23.6.08 la Corte d’Appello di Napoli rigettava l’appello proposto da I.R. contro la sentenza 27.11.96 con cui il Pretore di Nola aveva respinto la sua domanda di indennità di maternità quale bracciante agricola.

Riteneva la Corte partenopea la mancanza di prova della qualità di bracciante agricola della I. ed escludeva di dover emettere la pronuncia di cessazione della materia del contendere – chiestale dall’INPS per avere, nelle more di lite, erogato alla I. le indennità di maternità – per inidoneità della prova documentale dell’avvenuto pagamento.

Per la cassazione della sentenza ricorre la I. con un unico motivo.

L’intimato INPS non ha svolto attività difensiva.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con unico motivo di ricorso si censura l’impugnata sentenza per aver rigettato l’appello anzichè dichiarato cessata la materia del contendere, nonostante che anche la I. avesse concluso in tal senso, dando atto dell’avvenuto pagamento da parte dell’INPS, nelle more di lite, delle indennità di maternità.

Il motivo è fondato.

Premesso che la cessazione della materia del contendere presuppone che le parti si diano reciprocamente atto del sopravvenuto mutamento della situazione sostanziale dedotta in giudizio e sottopongano al giudice conformi conclusioni in tal senso (cfr., ex aliis, Cass. S.U. 26.7.04 n. 13969), quando tali concordi richieste abbiano avuto luogo – come nel caso di specie (come si argomenta dal tenore del verbale del 25.10.07, in cui la Corte territoriale rinviò la causa su richiesta della appellante affinchè, appunto, potesse essere dichiarata cessata la materia del contendere) – il giudice è vincolato a dichiarare cessata la materia del contendere, senza poter entrare nel merito dell’effettivo venir meno del contenzioso e della relativa prova (sul dovere, in tal caso, del giudice di chiudere il giudizio con una pronunzia di rito quale quella dichiarativa della cessazione della materia del contendere cfr, ad esempio, Cass. Sez., 3^ n. 10478 del l.6.04; Cass. S.U. n. 6226 del 9.7.97).

Diversamente, la pronuncia risulta viziata da extrapetizione per violazione dell’art. 112 c.p.c. In conclusione, il ricorso va accolto e, cassata la sentenza impugnata, la Corte decide nel merito dichiarando cessata la materia del contendere. Nulla spese.

P.Q.M.

LA CORTE accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, dichiara cessata la materia del contendere. Nulla spese.

Così deciso in Roma, il 16 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA