Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16774 del 29/07/2011

Cassazione civile sez. II, 29/07/2011, (ud. 26/05/2011, dep. 29/07/2011), n.16774

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele – rel. Presidente –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

Dott. NUZZO Laurenza – Consigliere –

Dott. MATERA Lina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

R.S. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA DEL TRITONE 102, presso lo studio dell’avvocato NANNA VITO, che

lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

L.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA BELSIANA 71, presso lo studio dell’avvocato OCCHIPINTI

MARIO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1174/2007 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 22/11/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

26/05/2011 dal Presidente Dott. ROBERTO MICHELE TRIOLA;

In via preliminare il Presidente relatore fa presente che la copia

della sentenza impugnata prodotta dal ricorrente al momento

dell’iscrizione del ricorso non risulta essere in forma autentica;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GOLIA Aurelio che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 28 gennaio 1997 R.S. conveniva L.A. davanti al Tribunale di Bari ed esponeva:

– che con contratto in data 13 aprile 1995 aveva ceduto alla convenuta, riservandosi il diritto di abitazione vita natural durante, la proprietà di un immobile;

– che quale corrispettivo della cessione L.A. si era impegnata a prestare in suo favore tutta l’assistenza di cui, vita natural durante, potesse avere bisogno per una decorosa esistenza; – che nel contratto era prevista una clausola risolutiva espressa, in base alla quale “qualora la L. dovesse risultare inadempiente agli obblighi assunti per un periodo di oltre sette giorni complessivi il presente contratto si intenderà risolto di diritto con conseguente restituzione alla parte cedente degli immobili di cui sopra quando la parte interessata dichiari per iscritto all’altra che intende avvalersi della clausola risolutiva;

– che la convenuta si era resa inadempiente agli obblighi assunti;

– che intendeva avvalersi della clausola risolutiva espressa;

sulla base di tali premesse R.S. chiedeva che venisse dichiarato risolto il contratto, con le pronunce consequenziali.

L.A. si costituiva, contestando il fondamento della domanda.

Nel giudizio interveniva P.R., madre di A. L., la quale, tra l’altro, chiedeva che venisse accertato che gli immobili trasferiti dall’attore ad L.A. erano di sua proprietà, in quanto aveva fornito il denaro per il loro acquisto.

Con sentenza in data 21 marzo 2002 il Tribunale di Bari accoglieva la domanda principale e rigettava quella proposta da R.P..

L.A. e P.R. proponevano appello.

Con sentenza in data 22 novembre 2007 la Corte di appello di Bari dichiarava inammissibile per tardività l’appello di P.R. ed accoglieva quello di L.A., ritenendo che dalle prove acquisite era emerso che era stato R.S. a rifiutare le prestazioni previste dal contratto.

Contro tale decisione ha proposto ricorso per cassazione, con tre motivi, R.S..

Resiste con controricorso L.A..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

La Corte rileva preliminarmente che il provvedimento impugnato non è stato depositato in copia autentica, per cui il ricorso va dichiarato improcedibile, con condanna del ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, che si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso improcedibile; condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida nella complessiva somma di Euro 2.200,00 di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge e spese generali.

Così deciso in Roma, il 26 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA