Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16716 del 05/08/2020

Cassazione civile sez. lav., 05/08/2020, (ud. 05/02/2020, dep. 05/08/2020), n.16716

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAIMONDI Guido – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – rel. Consigliere –

Dott. CINQUE Guglielmo – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21795-2014 proposto da:

P.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA G. ZANARDELLI

1, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE GIULIO ROMEO,

rappresentato e difeso dall’avvocato DOMENICO D. BORGESE;

– ricorrente –

contro

ENIT – ENTE NAZIONALE ITALIANO TURISMO, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

DEI PORTOGHESI 12, presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2274/2014 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 11/03/2014, R.G.N. 9517/2011.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. La Corte di appello di Roma ha confermato la sentenza del Tribunale della stessa città che aveva rigettato la domanda proposta da P.G. nei confronti dell’Ente Nazionale Italiano Turismo (ENIT) volta ad ottenere la condanna della convenuta al pagamento della somma di Euro 10.732,00 quale rimborso delle spese sostenute per l’imballaggio ed il trasporto di mobili e masserizie da Sidney alla Nuova Zelanda quale conseguenza del suo richiamo in Italia e della successiva assegnazione alla nuova sede.

2. Il giudice di appello, nel premettere che il rimborso era dovuto ove il trasferimento dei beni fosse intervenuto nell’anno dal trasferimento del dipendente, ha poi verificato che, come accertato già dal primo giudice, nel ricorso introduttivo del giudizio non era stata allegata la data di esecuzione del trasferimento, elemento costitutivo della domanda avanzata. Inoltre ha osservato che, in mancanza di una specifica allegazione in tal senso, non era possibile invocare il principio di non contestazione.

3. Con riguardo poi al rimborso in via amministrativa la Corte ha evidenziato che la richiesta era stata avanzata con riguardo allo stoccaggio dei beni in magazzino e non in relazione all’avvenuto trasferimento degli stessi.

4. Per la cassazione della sentenza propone ricorso P.G. affidato a quattro motivi ai quali resiste con controricorso l’Ente Nazionale Italiano Turismo (ENIT).

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

5. Con il primo motivo di ricorso viene dedotto che, in violazione dell’art. 414 c.p.c., la Corte di merito avrebbe trascurato di considerare che non era mai stato contestato dall’ENIT il mancato trasferimento personale entro l’anno dalla data di cessazione delle funzioni all’estero. L’Ente si era concentrato piuttosto sul mancato trasferimento in quell’arco temporale di mobili e masserizie. Rileva al riguardo il ricorrente che, al contrario, in atti era documentato che l’ENIT lo aveva autorizzato a rientrare in Italia, così come era avvenuto, all’esito delle ferie e dunque il 18.1.2005. Inoltre l’Ente si era impegnato a disporre il trasferimento del dipendente ad altra sede estera entro il 1.11.2005.

Sottolinea poi che risultava in atti l’avvenuto trasferimento dei mobili, nel maggio 2005, in Nuova Zelanda presso la famiglia P.. Rammenta che il rimborso delle spese era stato chiesto proprio con riguardo a tale trasferimento e sostiene che, pertanto, era stato allegato e dimostrato in giudizio tutto ciò che era necessario per ottenere l’accoglimento della domanda.

6. Con il secondo motivo è denunciata la violazione e falsa applicazione dell’art. 414,115 e 116 c.p.c.. Nel ribadire che era stato documentato in giudizio il trasferimento di mobili e masserizie avvenuto nel maggio 2005 sottolinea che su tali circostanze era stata articolata la prova reiterata anche in appello che la Corte di merito ha trascurato di prendere in considerazione.

7. Con il terzo motivo di ricorso, sempre in relazione alla prova dell’effettivo trasferimento di mobili e masserizie, è denunciata l’omessa motivazione su una circostanza decisiva ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 evidenziandosi che ne era stato dimostrato l’imballaggio ed il trasferimento alla data del 17 maggio 2005 e che perciò tali somme dovevano essere rimborsate.

8. Con il quarto motivo, infine, si deduce che la sentenza avrebbe del tutto omesso la motivazione con riguardo alla denunciata tardiva contestazione della richiesta di rimborso.

9. I primi due motivi di ricorso devono essere dichiarati inammissibili in quanto entrambi sollecitano alla Corte un diverso esame delle emergenze istruttorie che non è consentito al giudice di legittimità.

9.1. La Corte di merito ha correttamente ritenuto che l’onere di contestazione dei fatti costitutivi della pretesa è connesso alla loro avvenuta allegazione. Non si può certo contestare ciò che non è stato specificatamente allegato in giudizio e che il ricorrente avesse trascurato di allegare una serie di elementi costitutivi del diritto azionato risulta confermato dalla circostanza che nel presente ricorso si sottolinea che se il trasferimento nella sua materialità fosse stato contestato si sarebbero documentate le ragioni del posticipo del rientro.

In tal modo però il ricorrente pretende che l’Ente convenuto contesti una circostanza che doveva, in base alla corretta distribuzione degli oneri, prima ancora che provare innanzi tutto allegare. Nella sostanza più che dolersi di una errata applicazione delle regole in tema di non contestazione si richiede alla Corte di procedere ad un diverso ragionamento induttivo, dal noto all’ignoto, dei fatti allegati in giudizio che invece è proprio del giudice di merito.

9.2. Analogamente la censura articolata nel secondo motivo di ricorso si risolve in una diversa ricostruzione dei fatti che risultano documentati in giudizio non consentita alla Corte di legittimità se non nel ristretto ambito tracciato dall’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 nel testo novellato e ratione temporis applicabile al caso concreto (sui limiti della denunciabilità del vizio di motivazione dopo la novella del 2012 v. per tutte Cass. Sez. U. 07/04/2014 n. 8053). La Corte di appello, proprio in esito alla ricostruzione della documentazione depositata con ricostruzione plausibile ed aderente ai fatti che perciò non è censurabile, ha chiarito le ragioni per le quali il ricorrente non aveva diritto al rimborso chiesto.

10. Anche il terzo motivo di ricorso è inammissibile. In disparte la circostanza che ciò che si denuncia sembra essere l’omesso esame di documenti allegati in giudizio (documenti indicati ai nn. 26-32) laddove invece ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, riformulato dal D.L. 22 giugno 2012, n. 83, art. 54, conv. in L. 7 agosto 2012, n. 134, il vizio specifico denunciabile per cassazione è relativo all’omesso esame di un fatto storico, principale o secondario in ogni caso deve risultare dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che il fatto che abbia costituito oggetto di discussione tra le parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che, se esaminato, avrebbe determinato un esito diverso della controversia). Ne consegue che, nel rigoroso rispetto delle previsioni dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, e art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4, il ricorrente deve indicare il “fatto storico”, il cui esame sia stato omesso, il “dato”, testuale o extratestuale, da cui esso risulti esistente, il “come” e il “quando” tale fatto sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti e la sua “decisività”, fermo restando che l’omesso esame di elementi istruttori non integra, di per sè, il vizio di omesso esame di un fatto decisivo qualora il fatto storico, rilevante in causa, sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, ancorchè la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie (Cass. Sez. U. n. 8053/2014 cit.).

11. Quanto all’ultimo motivo di ricorso, con il quale ancora una volta si deduce un vizio di motivazione sotto il profilo dell’omessa motivazione su fatti decisivi, va rilevato che la circostanza di fatto di cui è denunciato l’omesso esame da parte della Corte di appello risulta sottoposta al giudice di primo grado ma dalla lettura del ricorso non è possibile evincere in che termini la sentenza del Tribunale ne abbia tenuto conto e se la questione sia stata ritualmente sottoposta al giudice di appello.

12. In conclusione, per le ragioni esposte, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

12.1. Le spese seguono la soccombenza e sono liquidate in dispositivo. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater va dato atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello versato per il ricorso a norma dell’art. 13 comma 1 bis del citato D.P.R., se dovuto.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che si liquidano in Euro 4.000,00 per compensi professionali oltre a spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello versato per il ricorso a norma dell’art. 13 comma 1 bis del citato D.P.R., se dovuto.

Così deciso in Roma, nella adunanza camerale, il 5 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 5 agosto 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA