Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1668 del 26/01/2021

Cassazione civile sez. VI, 26/01/2021, (ud. 28/10/2020, dep. 26/01/2021), n.1668

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 14735/2019 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI, (C.F. (OMISSIS)), in persona del

Direttore pro tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via

dei Portoghesi, 12;

– ricorrente –

contro

AZIENDA ENERGIA E GAS SOC. COOP., (C.F. (OMISSIS)), in persona del

legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall’Avv.

Prof. PAOLO PURI e dall’Avv. ALBERTO MULA, elettivamente domiciliato

presso il loro studio in Roma, Via XXIV Maggio, 43;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Lombardia, Sezione staccata di Brescia, n. 4784/2018, depositata in

data 5 novembre 2018.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio non partecipata

del 28 ottobre 2020 dal Consigliere Relatore Filippo D’Aquino.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

La società contribuente ha chiesto e, successivamente, ottenuto il trasferimento del credito di accisa sul gas naturale per la Provincia di (OMISSIS) al capitolo della Provincia di (OMISSIS), provvedendo – nelle more dell’autorizzazione, intervenuta in data (OMISSIS) – a estinguere il versamento delle rate di acconto dei mesi di aprile e maggio 2015 per la provincia di (OMISSIS) mediante compensazione con il suddetto credito di accisa; l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli territorialmente competente ha, pertanto, emesso avviso di accertamento per interessi e sanzioni per ritardato versamento dell’accisa, avvisi impugnati dalla società contribuente.

La CTP di Mantova ha accolto il ricorso e la CTR della Lombardia, Sezione staccata di Brescia, con sentenza in data 5 novembre 2018, ha rigettato l’appello dell’Ufficio.

Ha rilevato il giudice di appello che il credito tributario fa capo all’Agenzia delle Dogane e non alle sue articolazioni territoriali e che il credito d’accisa, al pari degli altri crediti, si estingue a termini dell’art. 1242 c.c., per coesistenza dei crediti, ancorchè debiti e crediti facciano capo a diverse articolazioni territoriali. Ha ritenuto che il credito della società contribuente deve ritenersi certo con decorrenza dalla data della autoliquidazione operata con la trasmissione della dichiarazione accise 2014, avvenuta in data 31.03.2015.

Ha proposto ricorso l’Ufficio affidato a due motivi; la società contribuente resiste con controricorso, ulteriormente illustrato da memoria.

La proposta del relatore è stata comunicata, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza camerale, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1.1 – Con il primo motivo si deduce violazione e falsa applicazione e falsa applicazione della L. 27 luglio 2000, n. 212, art. 8, comma 1, e del D.M. 12 dicembre 1996, n. 689, art. 6, in attuazione del D.Lgs. 26 ottobre 1995, n. 504, art. 67, comma 1, nonchè D.Lgs. n. 504 del 1995, art. 26, comma 10, e art. 53, comma 1, nella parte in cui il giudice di appello ha ritenuto legittimamente intervenuta la estinzione per compensazione in forza dell’applicazione dell’art. 1242 c.c., per effetto della implicita applicazione della L. n. 212 del 2000, art. 8. Deduce il ricorrente che la L. cit., art. 8, è norma programmatica e non precettiva, dovendosi fare applicazione della L. 23 agosto 1988, n. 400, art. 17, comma 2. Rileva, inoltre, come nel caso di specie ricorra il diverso istituto del trasferimento contabile del credito da una provincia ad altra a fini di scomputo o detrazione, diverso dall’istituto della compensazione, che non consente l’utilizzo del credito in province diverse, ma è condizionato all’accertamento dell’Ufficio, accertamento che attribuisce certezza al credito ai fini dell’esercizio della compensazione.

1.2 – In via subordinata il ricorrente censura la sentenza sotto il profilo della violazione e falsa applicazione della L. n. 212 del 2000, art. 8, comma 1, e del D.M. 12 dicembre 996, n. 689, art. 6, in attuazione del D.Lgs. 26 ottobre 1995, n. 504, art. 67, comma 1, nella parte in cui la sentenza impugnata ha ritenuto applicabile la compensazione, deducendo che la compensazione è ammessa in sede tributaria solo nei casi espressamente previsti dalla legge.

2 – I due motivi, i quali possono essere esaminati congiuntamente, sono fondati.

2.1 – E’ principio condiviso che in materia tributaria la compensazione è ammessa, in deroga alle comuni disposizioni civilistiche, soltanto nei casi espressamente previsti, non potendo derogarsi al principio secondo cui ogni operazione di versamento, di riscossione e di rimborso e ogni deduzione è regolata da specifiche, inderogabili norme di legge; nè tale principio può ritenersi superato per effetto della L. n. 212 del 2000, art. 8, comma 1, il quale, nel prevedere in via generale l’estinzione dell’obbligazione tributaria per compensazione, ha lasciato ferme, in via transitoria, le disposizioni vigenti, demandando ad appositi regolamenti l’estensione di tale istituto ai tributi per i quali non era contemplato (Cass., Sez. V, 18 maggio 2016, n. 10207; Cass., Sez. VI, 9 luglio 2013, n. 17001; Cass., Sez. V, 25 maggio 2007, n. 12262).

2.2 – Il suddetto principio è stato, inoltre, applicato in un caso analogo al presente – con ciò venendosi alle questioni affrontate dal controricorrente in memoria – benchè in materia di accise sull’energia elettrica. Anche in quel caso il contribuente aveva omesso i versamenti di rate di acconto di accisa sull’energia elettrica deducendo la compensazione del debito maturato con i controcrediti dalla stessa vantati nei confronti di diversi uffici doganali che non avevano dato corso alle istanze di trasferimento dei crediti (Cass., Sez. V, 15 ottobre 2019, n. 25977). Nel qual caso la Corte ha affermato il principio che “a partire dalla sentenza di questa Corte Sez. 5, Sentenza n. 4246 del 23/02/2007 Rv. 595976 – 01 è infatti consolidato il principio per cui “l’estensione alla materia tributaria dei principi generali del codice civile in tema di estinzione per compensazione, prevista dalla L. 27 luglio 2000, n. 212, art. 8, opera soltanto a decorrere dall’anno d’imposta 2002, previa emanazione di apposita disciplina di attuazione, restando ferma, per il periodo precedente, la regola secondo cui la compensazione è ammessa soltanto nei casi specificamente contemplati” (..) non potendo derogarsi al principio secondo cui ogni operazione di versamento, di riscossione e di rimborso ed ogni deduzione è regolata da specifiche, inderogabili norme di legge”. Principio vieppiù affermato in forza del fatto che in materia di accise sulla produzione di energia elettrica (ma lo stesso dicasi per le accise sul gas naturale) l’obbligo del versamento del conguaglio, così come il diritto alla compensazione, insorgono successivamente alla presentazione della dichiarazione annuale contenente tutti gli elementi necessari per la determinazione del debito d’imposta; pertanto il contribuente che intenda compensare i versamenti effettuati in eccedenza, non può provvedere autonomamente al riequilibrio omettendo il versamento dei singoli acconti, ma deve attendere che l’obbligazione tributaria si determini nella sua interezza e definitività alla fine dell’anno d’imposta di riferimento, potendo, peraltro, in caso di mancata capienza, presentare istanza di rimborso in sede di dichiarazione (Cass., Sez. V, 15 ottobre 2019, n. 26008).

2.3 – Ne consegue che “la sola presentazione dell’istanza di trasferimento del credito non fa venir meno l’obbligo dell’operatore di provvedere al versamento degli importi a debito” (Cass., Sez. V, 11 luglio 2019, n. 18618), in quanto la mancata autorizzazione del trasferimento incide sulla stessa esistenza e certezza del credito opposto ai fini della compensazione. Appaiono, quindi, superate le deduzioni del controricorrente contenute in memoria – laddove osserva che le somme sarebbero state versate nelle casse dell’Erario “ben prima della scadenza dei debiti in questione”, non potendosi pertanto configurare il ritardo nel pagamento dell’imposta – posto che l’assenza di certezza ed esistenza del credito di accisa non ancora accertato dall’Ufficio sterilizza i versamenti medio tempore eseguiti, ai fini dell’opposizione dell’eccezione di compensazione, sino al momento dell’avvenuto accertamento del credito di imposta trasferito.

2.4 – Il debito in acconto maggiori accise non poteva, pertanto, considerarsi compensato con il credito oggetto di trasferimento in attesa di autorizzazione e, conseguentemente, l’esercizio dell’indebito esercizio della compensazione ha comportato un ritardato pagamento, quale mancato versamento di parte del tributo alle scadenze previste, con conseguente deficit di cassa, sia pure transitorio, nel periodo infrannuale, il cui illecito è sanzionabile ai sensi del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471, art. 13 (Cass., Sez. V, 20 novembre 2015, n. 23755; Cass., Sez. V, 5 agosto 2016, n. 16504; Cass., Sez. V, 22 novembre 2018, n. 30220).

Le ulteriori argomentazioni del ricorrente, anche contenute in memoria, non aggiungono ulteriori utili profili di discussione.

3 – La sentenza impugnata non si è attenuta ai suddetti principi. Il ricorso va, pertanto, accolto e la sentenza impugnata cassata, con rinvio al giudice a quo, in diversa composizione, anche per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte, accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata con rinvio alla CTR della Lombardia, in diversa composizione, anche per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 28 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 26 gennaio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA