Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16637 del 29/07/2011

Cassazione civile sez. trib., 29/07/2011, (ud. 09/06/2011, dep. 29/07/2011), n.16637

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MERONE Antonio – Presidente –

Dott. BERNARDI Sergio – Consigliere –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – rel. Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

M.L., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CELIMONTANA

38, presso lo studio dell’avvocato PANARITI BENITO, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato DE GUELMI LORENZO,

giusta delega in calce;

– ricorrenti –

contro

COMUNE DI CAMPITELLO FASSA, in persona del Sindaco pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11, presso lo studio

dell’avvocato STELLA RICHTER PAOLO, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato BALLARDINI BRUNO, giusta delega a margine;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 104/20 07 della Commissione Tributaria di 2^

GRADO di TRENTO, depositata il 03/12/2007;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

09/06/2011 dal Consigliere Dott. SERGIO BERNARDI;

udito per il ricorrente, l’Avvocato Ardizzi, delega Avvocato

Panariti, che si riporta agli scritti;

udito per il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale, che

si riporta alla relazione.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il consigliere nominato ai sensi dell’art. 377 c.p.c. ha depositato la seguente relazione, che il collegio condivide:

” M.L. impugna la sentenza della Commissione Provinciale di secondo grado di Trento – depositata il 3.12.2007 – deducendo due motivi: di “violazione del D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 5, comma 3”, e di “violazione del D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 11, commi 2 e 2 bis e D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 18, comma 2 per omessa o insufficiente motivazione”. Il Comune di Campitello di Fossa resiste con controricorso, il ricorso può essere deciso in camera di consiglio ex art. 380 bis c.p.c. e art. 375 c.p.c., n. 5 in quanto manifestamente inammissibile. “Ratione temporis” è infatti applicabile la disposizione dell’art. 366 bis c.p.c. (introdotta dal D.Lgs. n. 40 del 2006, art. 6 e vigente fino al 4 luglio 2009).

Mentre i motivi di violazione di legge non si concludono con la formulazione del principio di diritto invocato, e quello proposto ex art. 360 c.p.c., n. 5 non contiene chiara indicazione del fatto controverso in relazione al quale la motivazione si assume omessa e delle ragioni per le quali la motivazione si assume insufficiente”.

Il ricorso va dunque dichiarato inammissibile. Le spese seguono La soccombenza.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso. Condanna il ricorrente al rimborso delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in Euro 2.500,00 per onorari e 100,00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 9 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA