Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16604 del 28/07/2011

Cassazione civile sez. lav., 28/07/2011, (ud. 26/05/2011, dep. 28/07/2011), n.16604

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – rel. Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. FILABOZZI Antonio – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro in carica,

domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso L’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

C.V.R.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 255/2007 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 30/04/2007 r.g.n. 3421/05;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

26/05/2011 dal Consigliere Dott. MAURA LA TERZA;

udito l’Avvocato GERARDIS CRISTINA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GAETA Pietro, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con la sentenza impugnata del 30 aprile 2007 la Corte d’appello di Bari, riformando la statuizione di primo grado, accoglieva la domanda proposta da C.V.R., ufficiale giudiziario dirigente presso la Corte d’appello di Bari, nei confronti del Ministero della Giustizia, per ottenere le differenze retributive tra quanto percepito e quanto spettante per le mansioni superiori esercitate, condannando il Ministero alle differenze dal primo luglio 1998 al 5 aprile 2000 con riferimento alla ottava qualifica funzionale e dal 6 aprile in poi con riferimento alla categoria C3 di cui al CCNLI del 5 aprile 2000. La Corte adita, premesso che erano incontestate le mansioni dirigenziali esercitate presso l’ufficio Unep, affermava che dette mansioni rientravano nell’ottava qualifica funzionale profilo professionale Funzionario Unep n. 292 di cui al D.P.R. n. 44 del 1990 e non nella settima qualifica funzionale di collaboratore Unep n. 293, distinguendosi i due profili a seconda che l’ufficio diretto sia o non di rilevanza esterna; che, dopo l’entrata in vigore del contratto collettivo integrativo per i dipendenti del Ministero della Giustizia del 5 aprile 2000, se le mansioni svolte rientravano nella ottava qualifica non potevano essere incluse nella posizione economica C1, in quanto corrispondente alla settima qualifica, ma nella posizione economica C3, per la quale si prevede la dirigenza di strutture giudiziarie di notevole complessità e rilevanza, carattere che era stato attribuito all’ufficio Unep della Corte d’appello di Bari con D.M. 30 dicembre 2000, che aveva previsto per esso la direzione da parte di due funzionari inquadrati in C3. Avverso detta sentenza il Ministero ricorre con un unico motivo. Il C. è rimasto intimato.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo si censura la sentenza per violazione del CCNL 4 aprile 2000 e si formula il seguente quesito di diritto: “Dica la Corte se alla luce della normativa vigente e del CCNL del 4 aprile 2000 l’ufficiale giudiziario dirigente possa assumere nei confronti degli altri ufficiali giudiziari, impegnati nella stessa posizione giuridica ed economica, la qualità di superiore gerarchico”.

Il ricorso è inammissibile non essendo il quesito, ed invero neppure il motivo di censura, congruente, con la motivazione della sentenza impugnata, giacchè questa non ha fondato il diritto alle maggiori retribuzioni svolte, ritenendole corrispondenti prima alla ottava qualifica funzionale e poi alla posizione economica C3, sulla base della superiorità gerarchica del C. rispetto ai colleghi. La sentenza infatti, come sopra riportato, ha ritenuto che le mansioni svolte si riferissero alla ottava qualifica perchè l’ufficio diretto era di rilevanza esterna, e che, dopo l’entrata in vigore del contratto collettivo integrativo per i dipendenti del Ministero della Giustizia del 5 aprile 2000, se quelle mansioni rientravano nella ottava qualifica non potevano essere incluse nella posizione economica C1, in quanto corrispondente alla settima qualifica, ma nella posizione economica C3, per la quale si prevede la dirigenza di strutture giudiziarie di notevole complessità e rilevanza, carattere che era stato attribuito all’ufficio Unep della Corte d’appello di Bari con D.M. 30 dicembre 2000.

Il ricorso va quindi dichiarato inammissibile.

Nulla per le spese non avendo le controparti svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 26 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 28 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA