Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16604 del 11/06/2021

Cassazione civile sez. III, 11/06/2021, (ud. 09/02/2021, dep. 11/06/2021), n.16604

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –

Dott. DI FLORIO Antonella – Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 37979/2019 proposto da:

N.M., elettivamente domiciliato presso l’avv. MARCO

ESPOSITO;

– ricorrente –

contro

PROCURATORE GENERALE CORTE APPELLO MILANO;

– intimato –

e contro

MINISTERO DELL’INTERNO, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende;

– resistenti –

avverso la sentenza n. 1816/2019 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 24/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

09/02/2021 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE CRICENTI.

 

Fatto

RITENUTO

Che:

1.- N.M. è cittadino del Senegal, da cui racconta di essere fuggito dopo che i ribelli avevano saccheggiato l’esercizio commerciale del padre, uccidendo quest’ultimo e la sorella.

Impugna una decisione della corte di appello che, ritenuto inverosimile il racconto, ha escluso la protezione sussidiaria, per via della situazione del Senegal dove non sarebbe ravvisabile un conflitto armato generalizzato; ed ha escluso la protezione umanitaria, ritenendo insufficiente il livello di integrazione raggiunto dal ricorrente in Italia.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

2. N. ricorre con un motivo con cui denuncia sia violazione della L. n. 251 del 2007, art. 14, che della L. n. 286 del 1998, art. 5.

La censura dunque è duplice, in quanto attiene sia alla protezione sussidiaria che a quella umanitaria.

Quanto alla prima si contesta un adeguata valutazione della situazione del paese di origine, ed in particolare dei pericoli che correrebbe il ricorrente in caso di rimpatrio; quanto alla seconda, si contesta una non adeguata valutazione dei presupposti per il rilascio del permesso di soggiorno a fini umanitari.

Il motivo è fondato.

2.1.- Per quanto attiene alla protezione internazionale, è regola fissata da questa Corte che il giudice di merito, nel valutare se esista nel paese di origine una situazione di conflitto armato, deve riferirsi a COI attendibili ed aggiornate (Cass. 8819/2020), mentre, nel caso presente, al corte indica, si, alcune fonti di conoscenza, ma non indica la data, e dunque è impossibile stabilire se si sia riferita, per l’appunto, a fonti aggiornate alla situazione proposta dal ricorrente.

2.2.- Per quanto attiene alla protezione umanitaria, è regola che il giudizio debba tenere conto sia della situazione soggettiva del ricorrente, vale a dire la sua integrazione in Italia, sia, anche qualora tale situazione non sia sufficiente, della situazione del paese di origine: uno straniero, sia pure non integrato ha diritto al permesso di soggiorno se nel paese di origine rischia una grave compromissione dei suoi diritti fondamentali.

Questa ultima valutazione è mancata, essendosi la corte limitata a stimare il grado di integrazione raggiunto in Italia senza valutare l’aspetto oggettivo della questione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte di Appello di Milano, in diversa composizione, anche per le spese.

Così deciso in Roma, il 9 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 11 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA