Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16589 del 28/07/2011

Cassazione civile sez. lav., 28/07/2011, (ud. 14/04/2011, dep. 28/07/2011), n.16589

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. FILABOZZI Antonio – Consigliere –

Dott. TRIA Lucia – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – rel. Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

AUTOSTRADE PER L’ITALIA SPA, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, L.G. FARAVELLI 22, presso

lo studio dell’avvocato MORRICO ENZO, che la rappresenta e difende,

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

C.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GERMANICO

172, presso lo studio dell’avvocato PANICI PIER LUIGI, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato GIOVANNELLI GIOVANNI,

giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1071/2008 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 23/09/2008, R.G.N. 555/07;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/04/2011 dal Consigliere Dott. UMBERTO BERRINO;

udito l’Avvocato GAETANO GIANNI’;

udito l’Avvocato GIOVANNELLI GIOVANNI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello che ha concluso per l’estinzione del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del’1/7 – 23/9/08 la Corte d’Appello di Milano, pronunziando sull’impugnazione proposta dalla S.p.a. Autostrade concessioni e costruzioni avverso la sentenza n. 967/06 del Tribunale di Milano che aveva accertato che tra essa società e C.G. era intercorso un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato ed a tempo pieno a decorrere dal 20/8/99, condannandola a corrisponderle le retribuzioni dall’1/4/04, confermò la sentenza gravata e condannò la società alle spese del grado.

In concreto la Corte territoriale convalidò il ragionamento del primo giudice secondo i quale l’assunzione a termine della C., in qualità di esattrice, avvenuta per la causale della necessità di sostituire lavoratori in ferie non era sorretta dalla prova della corrispondenza tra il dato numerico del personale assunto a termine e quello del personale che si presumeva essere stato sostituito nel periodo estivo, rilevando, altresì, che le dichiarazioni sottoscritte dalla lavoratrice al termine di ogni singolo rapporto avevano solo valore di quietanze a saldo e non di rinunzia ai suoi diritti, per cui era corretta la decisione che aveva ritenuto operante la sanzione della trasformazione del rapporto in quello a tempo indeterminato in conseguenza della accertata illegittimità dell’apposizione del termine; inoltre, il regime di lavoro part-time era riferibile solo al primo contratto che, però, aveva avuto una esecuzione del tutto corrispondente al tempo pieno. Per la cassazione della sentenza propone ricorso la società autostradale che affida l’impugnazione a cinque motivi di censura. Resiste con controricorso la C..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Osserva la Corte che successivamente al deposito dei rispettivi atti difensivi che hanno dato vita al presente procedimento le parti hanno conciliato la lite come da copia del verbale di conciliazione in sede sindacale del 17 dicembre 2010, depositato dal difensore della società ricorrente in data 1/4/2011.

Conformemente a tale accordo il difensore della società ha chiesto, con la nota di deposito del verbale di conciliazione, l’estinzione del presente giudizio.

All’udienza odierna, in cui sono comparsi i difensori delle parti, il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale, ha concluso per la dichiarazione di estinzione del procedimento.

Deve osservarsi che con il prodotto verbale di conciliazione del 17/12/2010 le parti hanno definito esaurientemente la controversta dedotta in giudizio. Invero, da tale verbale emerge la rinunzia della società al presente ricorso, avendo le medesime parti risolto reciprocamente ogni questione derivante dagli intercorsi contratti a termine all’esito dell’accordo concretizzatosi attraverso la rinunzia della C. ai diritti scaturiti in suo favore dalle pregresse statuizioni dei giudici di merito e la contestuale offerta, in via transattiva e novativa, della Società Autostrade per l’Italia S.p.A, accettata dalla lavoratrice, di confermare, con alcune modifiche, il rapporto di lavoro a tempo indeterminato instauratosi in esecuzione della sentenza di primo grado, il tutto con reciproca accettazione della totale estinzione della controversia.

Tale definizione in sede stragiudiziale della controversia comporta la dichiarazione della sopravvenuta estinzione del procedimento.

Nel rispetto dello spirito conciliativo emerso dal suddetto verbale si reputa equi disporre la compensazione delle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il procedimento e compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 14 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 28 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA