Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16569 del 14/07/2010

Cassazione civile sez. lav., 14/07/2010, (ud. 19/05/2010, dep. 14/07/2010), n.16569

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. D’AGOSTINO Giancarlo – rel. Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 15067/2009 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DELLA FREZZA 17, presso l’AVVOCATURA

CENTRALE DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati RICCIO

Alessandro, VALENTE NICOLA, PULLI CLEMENTINA, giusta procura speciale

in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

G.G.A.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 219/2009 della CORTE D’APPELLO di CAMPOBASSO

del 20.3.09, depositata il 31/03/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

19/05/2010 dal Consigliere Relatore Dott. GIANCARLO D’AGOSTINO.

E’ presente l’Avvocato Generale in persona del Dott. DOMENICO

IANNELLI.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con ricorso del 2.2.2006 G.G.A. chiedeva al Tribunale di Campobasso il riconoscimento del suo diritto all’assegno ordinario di invalidità L. n. 222 del 1984, ex art. 1. Il Tribunale, disposta una CTU, con sentenza del 20.11.2007 accoglieva la domanda e condannava l’Inps a corrispondere al ricorrente l’assegno di invalidità civile a decorrere dal 17.11.2004.

L’Inps impugnava la sentenza. Proponeva appello incidentale il privato lamentando che il Tribunale gli aveva riconosciuto l’assegno di invalidità civile di cui alla L. n. 118 del 1971, e non l’assegno ordinario di invalidità che aveva richiesto.

La Corte di Appello di Campobasso, con sentenza depositata il 31.3.2009, rigettava l’appello principale dell’Inps e in accoglimento dell’appello incidentale riconosceva all’interessato l’assegno ordinario di invalidità di cui alla L. n. 222 del 1984, confermando la decorrenza della prestazione dal 27.11.2004.

Avverso detta sentenza l’INPS ha proposto ricorso per cassazione con un motivo con il quale ha denunciato violazione del D.P.R. n. 488 del 1968, art. 18, a norma del quale, se i requisiti per l’assegno ordinario di invalidità non risultino perfezionati alla data della domanda, l’assegno decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di perfezionamento dei requisiti realizzatisi nel corso del procedimento.

L’intimato non si è costituito.

Il ricorso è infondato.

Le Sezioni Unite della Cassazione, con sentenza n. 12270/2004, in tema di prestazioni assistenziali, hanno affermato che, ove il requisito sanitario non sussista al momento della domanda amministrativa ma si perfezioni nel corso del procedimento giurisdizionale, i benefici decorrono dalla data di insorgenza dello stato invalidante, atteso che l’art. 12 (pensione di inabilità) e art. 13 (assegno mensile) della L. n. 118 del 1971, nel disporre che la prestazione ha decorrenza “dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda per l’accertamento dell’inabilità”, si riferiscono al procedimento amministrativo, ne quale non è operante il principio della perpetuato actionis, per cui la durata del processo non deve danneggiare chi ha ragione, non già al procedimento giudiziario.

La successiva giurisprudenza della Corte (vedi Cass. n. 14516/2007, n. 22412/2009), modificando il precedente orientamento, ha ritenuto tale principio applicabile, oltre che in materia di benefici assistenziali, anche ai procedimenti giudiziari per il conseguimento di prestazioni previdenziali. Ciò perchè il D.P.R. n. 488 del 1968, art. 18, il quale fissa la decorrenza del beneficio previdenziale dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda amministrativa nel caso di sopravvenienza del requisito sanitario nel corso del procedimento, si riferisce al procedimento amministrativo, nel quale non opera i principio della perpetualo actionis, e non al procedimento giudiziario.

A quest’ultimo orientamento giurisprudenziale il Collegio intende dare continuità, condividendone le motivazioni.

Il ricorso, pertanto, deve essere respinto.

Nulla per le spese del giudizio di cassazione poichè l’intimato non ha svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 19 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 14 luglio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA