Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16534 del 11/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 11/06/2021, (ud. 27/01/2021, dep. 11/06/2021), n.16534

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26967-2019 proposto da:

C.B., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA TARANTO

90, presso lo studio dell’avvocato ALESSANDRO DI FIORE,

rappresentata e difesa dall’avvocato ROSSANA BARBUTO;

– ricorrente –

contro

POSTE ITALIANE SPA, (OMISSIS), in persona del legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE MAZZINI N.

134, presso lo studio dell’avvocato LUIGI FIORILLO, rappresentata e

difesa dagli avvocati GAETANO GRANOZZI, GAETANA ALLEGRA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 586/2019 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 04/06/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 27/01/2021 dal Consigliere Relatore Dott. LUCIA

ESPOSITO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

la Corte di appello di Catanzaro, per quanto in questa sede interessa, confermava la sentenza del giudice di primo grado che aveva rigettato la domanda avanzata da C.B. diretta ad accertare la condotta di mobbing dei superiori gerarchici nei suoi confronti e, di conseguenza, la responsabilità di Poste Italiane s.p.a., con condanna del datore di lavoro al risarcimento dei danni;

avverso la sentenza propone ricorso per cassazione la lavoratrice sulla base di sette motivi;

Poste Italiane s.p.a. resiste con controricorso;

la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio non partecipata.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Con il primo motivo la ricorrente deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 2087 e 1228 c.c., poichè illegittimamente la Corte territoriale aveva ritenuto che Poste Italiane s.p.a. non fosse tenuta a rispondere ex se per la condotta dei propri dipendenti, in mancanza di allegazioni e prove riguardo alla conoscenza da parte del datore di lavoro delle condotte lesive e all’inerzia da parte del medesimo riguardo alla loro rimozione;

con il secondo motivo deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 2043 e 2049 c.c., anche in riferimento all’art. 32 Cost., risultando la decisione in contrasto con il principio in forza del quale l’accertamento di un rapporto di necessaria occasionalità tra fatto illecito del preposto ed esercizio delle mansioni affidategli comporta l’insorgenza di una responsabilità diretta a carico della società per i danni arrecati a terzi dagli agenti nello svolgimento delle incombenze loro affidate;

con il terzo motivo deduce omesso esame di fatti decisivi per il giudizio in ordine al mobbing oggetto di discussione tra le parti, specificamente con riguardo ai plurimi e sistematici atti lesivi perpetrati nei confronti della lavoratrice dal 2006 al 2010, determinanti lesione della sua personalità e dignità;

con il quarto motivo deduce violazione degli artt. 2697,2087 e 1218 c.c. per avere la Corte d’appello errato nel ritenere che spettasse alla ricorrente allegare e provare che Poste Italiane s.p.a. fosse a conoscenza dell’asserito mobbing, dovendo invece la società dimostrare di aver posto in essere tutte le misure per impedire il verificarsi del danno;

con il quinto motivo deduce omesso esame circa fatti decisivi in ordine a condotte lesive integranti mobbing, facendo riferimento a una pluralità di condotte vessatorie che assume confermate dai testi e provate da documentazione medica;

con il sesto motivo lamenta la violazione art. 2967,1218 e 2087 c.c., quanto alle condotte lesive non integranti mobbing, operando in favore della lavoratrice, in riferimento all’art. 2087 c.c., la presunzione di colpa di cui all’art. 1218 c.c., in deroga dell’art. 2697 c.c.;

deduce, infine, violazione art. 115 e 116 c.p.c., per avere la Corte disatteso la richiesta istruttoria di consulenza tecnica medico legale;

il primo e il secondo motivo sono infondati in base al principio in forza del quale la responsabilità del datore di lavoro – su cui incombono gli obblighi ex art. 2049 c.c. – non è esclusa dalla circostanza che la condotta di mobbing provenga da un altro dipendente, posto in posizione di supremazia gerarchica rispetto alla vittima, ove il datore di lavoro sia rimasto colpevolmente inerte nella rimozione del fatto lesivo (ex multis Cass. n. 18093 del 25/07/2013), laddove nella specie la Corte territoriale aveva escluso, con accertamento in fatto insindacabile in questa sede, che il datore di lavoro, identificabile con la direzione provinciale di Catanzaro, fosse stato messo a conoscenza delle presunte condotte persecutorie nei confronti della dipendente;

il terzo motivo è inammissibile poichè le condotte enunciate dalla ricorrente sono state esaminate dal giudice d’appello, che ha escluso, a seguito dell’istruttoria espletata, l’esistenza di molti episodi denunciati;

gli altri motivi di ricorso, da trattare congiuntamente, sono inammissibili poichè propongono una diversa valutazione dei fatti di causa rispetto a quella compiuta dal giudice del merito, ancorchè proposti sub specie violazione di legge (Cass. n. 8758 del 04/04/2017, SU 34476 del 27/12/2019);

in base alle svolte argomentazioni il ricorso va complessivamente rigettato e le spese sono liquidate secondo soccombenza;

in considerazione della statuizione, sussistono i presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, se dovuto, per il ricorso.

PQM

La Corte rigetta il ricorso.

Condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 4.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali al 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, se dovuto, per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 27 gennaio 2021.

Depositato in Cancelleria il 11 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA