Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1649 del 26/01/2021

Cassazione civile sez. VI, 26/01/2021, (ud. 28/10/2020, dep. 26/01/2021), n.1649

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – rel. Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 23221/2019 R.G. proposto da:

B.D., rappresentato e difeso, per procura speciale in calce

al controricorso depositato nel giudizio iscritto al n. 19836/2013

R.G.N. di questa Corte, definito con ordinanza n. 8423 del 2017,

dall’avv. GIANNINI Luigi Maria ed elettivamente domiciliato in

Barletta, alla via Indipendenza, n. 30, presso lo studio legale del

predetto difensore;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA SERVIZIO RISCOSSIONI s.p.a. (già Equitalia Sud s.p..a), in

persona del legale rappresentante pro tempore;

– intimata –

avverso l’ordinanza di questa Corte n. 8423/17, depositata in data

31/03/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 28/10/2020 dal Consigliere LUCIOTTI Lucio.

 

Fatto

FATTO e DIRITTO

La Corte:

costituito il contraddittorio camerale ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., come integralmente sostituito dal D.L. n. 168 del 2016, art. 1-bis, comma 1, lett. e), convertito, con modificazioni, dalla L. n. 197 del 2016, osserva quanto segue.

Il ricorrente ha chiesto correggersi l’errore materiale dell’ordinanza di questa Corte in epigrafe indicata, là dove vengono indicati come controricorrenti ” B.D.” e ” G.L.M.”, mentre quest’ultimo era il difensore del primo.

Deve premettersi che “Il procedimento per la correzione degli errori materiali di cui all’art. 287 c.p.c. è esperibile per ovviare ad un difetto di corrispondenza fra l’ideazione del giudice e la sua materiale rappresentazione grafica, chiaramente rilevabile dal testo stesso del provvedimento mediante il semplice confronto della parte del documento che ne è inficiata con le considerazioni contenute nella motivazione, senza che possa incidere sul contenuto concettuale e sostanziale della decisione” (Cass. n. 572 del 2019).

Ciò posto, rileva il Collegio che nel frontespizio dell’ordinanza di cui si chiede la correzione vengono erroneamente indicati come “controricorrenti”, ” B.D., G.L.M.”, mentre in realtà quest’ultimo era il difensore del primo, per come risultante dalla procura speciale in calce al controricorso depositato in quel giudizio (R.G.N. n. 19836/2013). peraltro, nel corpo della motivazione della predetta ordinanza, questa Corte ha correttamente indicato quale controricorrente il solo B..

Tale indicazione è quindi frutto evidente di un errore materiale che può essere emendato con la procedura attivata dal ricorrente, il cui ricorso va quindi accolto.

Non vi è luogo a provvedere sulle spese del presente procedimento (Cass., sez. un., ord., 27/06/2002, n. 9438; Cass., ord., 4/05/2009, n. 10203; Cass., ord., 17/09/2013, n. 21213).

P.Q.M.

dispone che il frontespizio dell’ordinanza di questa Corte n. 8423/17, depositata il 31/03/2017, sia corretto nel senso che ove è scritto ” B.D., G.L.M.” si intenda scritto ” B.D., rappresentato e difeso, per procura speciale in calce al controricorso, dall’avv. G.L.M. presso il cui studio legale, sito in (OMISSIS), è elettivamente domiciliato” e dove è scritto “controricorrenti” si intenda scritto “controricorrente”.

Dispone, altresì, che le correzioni siano annotate, a cura della cancelleria, sull’originale della predetta ordinanza.

Così deciso in Roma, il 28 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 26 gennaio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA