Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16452 del 10/06/2021

Cassazione civile sez. trib., 10/06/2021, (ud. 14/10/2020, dep. 10/06/2021), n.16452

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. NONNO Giacomo Maria – rel. Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – Consigliere –

Dott. GALATI Vincenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 9169/2012 R.G. proposto da:

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

la quale è domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

– ricorrente –

contro

Apollo s.r.l., in liquidazione, in persona del liquidatore pro

tempore;

– intimata –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Lombardia n. 34/19/11, depositata il 28 febbraio 2011.

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 14 ottobre

2020 dal Consigliere Giacomo Maria Nonno.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. con la sentenza n. 34/19/11 del 28/02/2011, la Commissione tributaria regionale della Lombardia (di seguito CTR) respingeva l’appello proposto dall’Agenzia delle entrate avverso la sentenza n. 338/04/08 della Commissione tributaria provinciale di Milano (di seguito CTP), che aveva accolto il ricorso proposto dalla società contribuente nei confronti di un atto di contestazione sanzioni conseguente alla detrazione di un credito IVA relativo all’anno d’imposta 2003;

1.1. come emerge anche dalla sentenza impugnata, l’atto di contestazione era stato emesso in ragione del comportamento illegittimo della società contribuente, che aveva chiesto il rimborso di un credito IVA poi portato in detrazione prima che il rimborso fosse stato negato;

1.2. la CTR rigettava, nel merito, l’appello dell’Agenzia delle entrate, evidenziando, pregiudizialmente, che la società contribuente era stata cancellata dal registro delle imprese prima della proposizione dell’impugnazione, sicchè il processo, ai sensi del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, art. 40, comma 1, non doveva essere interrotto, nè il contraddittorio doveva essere integrato nei confronti dei soci, non versandosi in ipotesi di litisconsorzio necessario;

2. l’Agenzia delle entrate impugnava la sentenza della CTR con ricorso per cassazione, affidato a due motivi e depositava memoria ex art. 380 bis.1 c.p.c.;

3. Apollo s.r.l. in liquidazione non si costituiva in giudizio e restava, pertanto, intimata.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. va pregiudizialmente dichiarata l’inammissibilità del ricorso;

1.1. come risulta dalla sentenza impugnata, Apollo s.r.l. è stata cancellata dal registro delle imprese in data (OMISSIS), cioè in data antecedente alla proposizione del ricorso in appello da parte dell’Agenzia delle entrate, notificato il 27-30/10/2009 ai difensori della società costituiti in primo grado e depositato il 06/11/2009;

1.2. sempre da quanto risulta dalla sentenza della CTR, tenuto conto della regolare costituzione in giudizio di Apollo s.r.l., la circostanza dell’intervenuta cancellazione è venuta a conoscenza dell’Ufficio solo in epoca successiva alla proposizione del ricorso ed è stata dichiarata all’udienza del 05/07/2010;

1.3. se, pertanto, si può ritenere – come fatto implicitamente dalla CTR (che, peraltro, erroneamente non ha dichiarato l’interruzione del processo: Cass. n. 15177 del 22/07/2016; Cass. n. 23574 del 05/11/2014) – che il ricorso in appello è stato regolarmente notificato ai difensori della società cancellata in virtù del principio della ultrattività del mandato (Cass. S.U. 04/07/2014, n. 15295; conf. Cass. 31/10/2014, n. 23141), certamente il successivo ricorso per cassazione dell’Agenzia delle entrate è inammissibile, in quanto notificato a soggetto la cui estinzione (Cass. S.U. n. 4060 del 22/02/2010) era nota fin dal grado precedente alla notificante (Cass. n. 19580 del 04/08/2017; Cass. n. 23574 del 2014, cit.), la quale avrebbe dovuto convenire in giudizio i soci della società estinta (quali successori sui generis: Cass. S.U. 12/03/2013, n. 6070; si vedano anche Cass. n. 25487 del 12/10/2018; Cass. n. 31037 del 28/12/2017; Cass. n. 9110 del 06/06/2012);

2. in conclusione il ricorso va dichiarato inammissibile;

2.1. nulla per le spese in ragione della mancata costituzione in giudizio della controparte.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 14 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 10 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA