Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16420 del 05/08/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 05/08/2016, (ud. 23/11/2015, dep. 05/08/2016), n.16420

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIELLI Stefano – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – rel. Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 15298-2010 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

Z.T.M.;

– intimato –

e da:

Z.T.M., elettivamente domiciliato in ROMA VIA CARDINAL

DE LUCA 10, presso lo studio dell’avvocato TULLIO ELEFANTE, che lo

rappresenta e difende giusta delega a margine;

– controricorrente incidentale –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 39/2009 della COMM.TRIB.REG. della Lombardia,

depositata il 20/04/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

23/11/2015 dal Consigliere Dott. MARCO MARULLI;

udito per il ricorrente l’Avvocato MARCHINI che si riporta agli atti;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO RITA, che ha concluso per l’estinzione del ricorso per

rinuncia.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. In data 8.1.2007 Z.T.M., nella sua veste di accomandante della s.a.s. Marcondino era notificata una cartella di pagamento conseguente ad un avviso di accertamento divenuto definitivo per mancanza di impugnazione.

L’appello dell’ufficio avverso la sentenza di primo grado, che aveva accolto il ricorso del contribuente sul rilievo che il pregresso avviso di accertamento non era stato ritualmente notificato e che l’accomandante non rispondeva dei debiti tributari della società, era respinto dalla CTR Lombardia con la sentenza qui impugnata in considerazione “dell’ampia e motivata sentenza emessa dai giudici di prime cure”, che non meritava censura alcuna e che andava dunque confermata non essendo emersi nuovi determinanti elementi in senso contrario al dichiarato annullamento dell’atto impugnato.

La cassazione di detta sentenza è stata chiesta dall’Agenzia in forza di cinque motivi, ai quali resiste con controricorso e ricorso incidentale condizionato la parte.

Nelle more dell’odierna udienza parte ricorrente ha comunicato la propria rinuncia al ricorso ai sensi dell’art. 390 c.p.c..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

2. L’atto di rinuncia al ricorso per cassazione depositato dalla ricorrente determina l’estinzione del giudizio ai sensi dell’art. 391 c.p.c. in quanto la mancata costituzione dell’intimato non rende necessaria la notificazione dell’atto ai fini dell’effetto estintivo

3. Nulla per le spese.

PQM

La Corte Suprema di Cassazione dichiara estinto il presente giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Quinta Civile, il 23 novembre 2015.

Depositato in Cancelleria il 5 agosto 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA