Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16410 del 13/07/2010

Cassazione civile sez. III, 13/07/2010, (ud. 17/06/2010, dep. 13/07/2010), n.16410

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. FEDERICO Giovanni – Consigliere –

Dott. URBAN Giancarlo – Consigliere –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.S. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CRESCENZIO 107, presso lo studio dell’avvocato VERRECCHIA

OSVALDO, rappresentato e difeso dall’avvocato RAVIELE ELIO giusta

delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

COMPASS S.P.A. (OMISSIS), in persona dell’Amministratore Delegato

D.G.B., elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE

VILLA PAMPHILI 33, presso le studio dell’avvocato DE SANTIS LUIGI,

rappresentata e difesa dagli avvocati NANNI GIUSEPPE, SALARGLI

STEFANO giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2785/2005 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

SEZIONE QUARTA CIVILE, emessa il 15/11/2005, depositata il 01/12/2005

R.G.N. 14 03/2004;

udita la relazione della causa svelta nella pubblica udienza del

17/06/2010 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito l’Avvocato ANDRIANI RICCARDO (per delega dell’Avv. STEFANO

SALAROLI);

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SGROI Carmelo che ha concluso per il rigetto del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il C. propose opposizione avverso il decreto ingiuntivo con il quale gli era stato intimato il pagamento di una somma di danaro in favore della Compass s.p.a. in relazione a vari contratti di finanziamento che si assumeva non essere stati eseguiti oppure esserlo stati solo in parte. Il Tribunale di Milano accolse l’opposizione, revoco’ il decreto ingiuntivo e condanno’ il C. al pagamento in favore della controparte di una somma inferiore a quella originariamente richiesta.

La Corte d’appello di Milano, parzialmente riformando la prima sentenza, ha condannato il C. al pagamento in favore della societa’ di un’ulteriore somma di danaro.

Propone ricorso per cassazione il C. a mezzo di un solo motivo. Risponde con controricorso la Compass s.p.a..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

La sentenza impugnata ha trattato specificamente di ciascuno dei finanziamenti in questione, ha valutato la prova addotta, ha stimato di gli importi reclamati dalla societa’ e calcolato gli importi in alcuni casi ancora dovuti. Per alcune delle ipotesi ha rilevato che il C. non aveva addotto alcunche’ riguardo alla prova fornita dalla controparte, oppure aveva fatto riferimento a documentazione non rinvenibile agli atti. Quanto all’appello incidentale del C., riguardante la sua richiesta riconvenzionale di danni, il giudice ne ha rilevato l’insufficiente specificazione e l’assenza di prova.

Il ricorso in esame, che formalmente censura la sentenza per vizio della motivazione, si risolve in sostanza nella riproposizione, per ciascuno dei finanziamenti in questione, di una serie di questioni di merito tendenti, peraltro in maniera generica e non autosufficiente (quanto ai documenti ai quali e’ fatto riferimento), ad ottenere dal giudice di legittimita’ una nuova valutazione del merito della controversia. Le stesse considerazioni valgono quanto al punto sulla domanda riconvenzionale.

Il ricorso deve essere, pertanto, respinto, con condanna del ricorrente a rivalere la controparte delle spese sopportate nel giudizio di cassazione.

P.Q.M.

LA CORTE rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 5200,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 17 giugno 2010.

Depositato in Cancelleria il 13 luglio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA