Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1639 del 24/01/2020

Cassazione civile sez. VI, 24/01/2020, (ud. 25/09/2019, dep. 24/01/2020), n.1639

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. PORRECA Paolo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24916-2017 proposto da:

I.M.A., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

GIUSEPPE ANDREOLI 1, presso lo studio dell’avvocato TATIANA BIZZONI,

rappresentata e difesa dall’avvocato ROBERTO ANTONIO IGLIO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1065/2017 del TRIBUNALE di SANTA MARIA CAPUA

VETERE, depositata il 23/03/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 25/09/2019 dal Consigliere Relatore Dott. PORRECA

PAOLO.

Fatto

CONSIDERATO

che:

I.M.A. conveniva in giudizio il Ministero della giustizia per chiedere il risarcimento dei danni subiti a seguito di una perquisizione illegittima eseguita dalla polizia giudiziaria presso la propria abitazione;

il Giudice di pace di Arienzo accoglieva la domanda con pronuncia riformata – sull’appello del Ministero – dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere secondo cui, in particolare, in rito l’appello era tempestivo e procedibile in forza del principio di scissione delle notifiche, effettuate dall’Avvocatura dello Stato a norma della L. n. 53 del 1994, e in ragione del tempo di iscrizione a ruolo telematica dell’impugnazione, e nel merito il gravame era fondato sussistendo il difetto di legittimazione passiva del Ministero della giustizia dovendo ravvisarsi quella del Ministero dell’interno da cui dipendeva organicamente la polizia giudiziaria;

avverso questa decisione ricorre per cassazione I.M.A. articolando due motivi.

Diritto

RILEVATO

che:

con il primo motivo si prospetta la violazione e falsa applicazione degli artt. 165, 347, 348, c.p.c., poichè il Tribunale, omettendo la pronuncia richiesta, non avrebbe dichiarato l’improcedibilità dell’appello per tardiva iscrizione a ruolo;

con il secondo motivo si prospetta la violazione e falsa applicazione dell’art. 149, c.p.c., poichè il Tribunale avrebbe errato mancando di rilevare la tardività della notifica dell’appello, essendo inapplicabile il principio di scissione alle notifiche effettuate direttamente dall’avvocato;

Vista la proposta formulata del relatore ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c.;

Rilevato che:

non deve disporsi il rinnovo della notifica all’Avvocatura generale dello Stato in ragione dell’esito dello scrutinio del ricorso (Cass., 21/05/2018, n. 12515);

il primo motivo è inammissibile perchè non viene censurata specificatamente la “ratio decidendi” del Tribunale secondo cui l’iscrizione a ruolo era tempestivamente avvenuta telematicamente il 4 dicembre 2015;

il giudice di merito, pertanto, non solo si è pronunciato, ma lo ha fatto correttamente, posto che alle modalità telematiche si applica il principio di scissione, sia per le notifiche (Cass., 12/02/2019, n. 3999), sia, coerentemente, per l’iscrizione a ruolo, non potendo imputarsi alla parte il tempo per l’adempimento amministrativo della Cancelleria conseguente alla trasmissione telematica equivalente alla nota ovvero alla richiesta d’iscrizione;

il secondo motivo è inammissibile ex art. 360 bis c.p.c., n. 1, poichè è costante orientamento di questa Corte quello per cui il principio di scissione opera anche per le notificazioni eseguite a mezzo posta da parte dell’avvocato della L. n. 53 del 1994, ex art. 1, non essendovi alcun dato normativo contrario (Cass., 03/07/2014, n. 15234, Cass., 19/01/2016, n. 770);

non deve disporsi sulle spese stante la mancata difesa dell’intimata amministrazione.

P.Q.M.

La Corte, dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, la Corte dà atto che il tenore del dispositivo è tale da giustificare il pagamento, se dovuto e nella misura dovuta, da parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, il 25 settembre 2019.

Depositato in cancelleria il 24 gennaio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA