Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16364 del 04/08/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 04/08/2016, (ud. 01/07/2016, dep. 04/08/2016), n.16364

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – rel. Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 14756-2015 proposto da;

BASKET LIVORNO SRL, IN LIQUIDAZIONE, in persona del Liquidatore e

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, CIRCONVALLAZIONE CLODIA 80, presso lo studio dell’avvocato

CARLA LIBERATI, rappresentata e difesa dagli avvocati SERGIO RUSSO,

PIERFRANCESCO SICA giusta procura a margine de ricorso;

– ricorrente –

contro

C.D., PROCURA DELLA REPUBBLICA DI LIVORNO, PROCURA GENERALE

DELLA REPUBBLICA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 800/2015 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE del

10/04/2015, depositata il 04/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio

dell’01/07/2016 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO ANTONIO

GENOVESE;

udito l’Avvocato Sergio Russo difensore della ricorrente che si

riporta agli scritti.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che, pur dopo il deposito della proposta di definizione della vertenza, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., da parte del consigliere designato, è opportuno rimettere alla Pubblica udienza la discussione sui rilevanti profili di diritto implicati dall’esame della controversia.

PQM

LA CORTE Rimette la causa all’udienza pubblica.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della sezione Sesta civile – 1 della Corte di cassazione, dai magistrati sopra indicati, il 1 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 4 agosto 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA