Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16349 del 30/07/2020

Cassazione civile sez. III, 30/07/2020, (ud. 02/07/2020, dep. 30/07/2020), n.16349

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Presidente –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – rel. Consigliere –

Dott. GUIZZI Stefano Giaime – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 26400/2018 R.G. proposto da:

Aeroflot Russian Airlines, rappresentata e difesa dall’Avv. Tatiana

Della Marra;

– ricorrente –

contro

L.A., e L.R.;

– intimati –

avverso la sentenza del Tribunale di Catania, n. 1514/2018 depositata

il 6 aprile 2018;

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 2 luglio 2020

dal Consigliere Dott. Emilio Iannello;

Lette le conclusioni del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto

Procuratore Generale Dott. CARDINO Alberto, che ha chiesto il

rigetto del ricorso.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

ritenuto che, avuto riguardo alla rilevanza nomofilattica della questione sottoposta all’esame di questa Corte – applicabilità analogica dell’art. 7 Regolamento CE 261/04 (in tema di compensazione pecuniaria dei danni da ritardo del volo) a fattispecie non soggetta alle norme Eurounitarie ma regolata dagli artt. 19 e segg. della Convenzione di Varsavia del 12 ottobre 1929, resa esecutiva in Italia con la L. 19 maggio 1932, n. 841, nel testo modificato dal protocollo dell’Aja del 1955 – si rende opportuna la trattazione della causa in pubblica udienza (art. 375 c.p.c., comma 2).

P.Q.M.

dispone trattarsi la presente causa in pubblica udienza e la rinvia a tal fine a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 2 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 30 luglio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA