Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16317 del 30/07/2020

Cassazione civile sez. VI, 30/07/2020, (ud. 26/02/2020, dep. 30/07/2020), n.16317

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. FALASCHI Milena – rel. Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 35340-2018 proposto da:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI, in persona

del Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

L.M.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1169/2018 del TRIBUNALE di TRANI, depositata

il 25/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 26/02/2020 dal Consigliere Relator Dott. MILENA

FALASCHI.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

Il Giudice di pace di Andria, con sentenza n. 559/2014, accoglieva il ricorso proposto da L.M. avverso l’ordinanza ingiunzione emessa dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro-alimentari – Ufficio di Bari) per aver in data 02.11.2011 irregolarmente emesso tre documenti di accompagnamento, oltre ad avere omesso l’annotazione dell’orario di partenza, con riferimento al momento in cui i prodotti venivano consegnati al trasportatore e, per l’effetto, annullava il provvedimento impugnato ritenendo intervenuta la prescrizione del diritto, per essere stata l’ingiunzione notificata 871 giorni dopo l’accertamento dell’illecito.

In virtù di gravame interposto dal Ministero, il Tribunale di Trani, con sentenza n. 1169/2018, dichiarava l’inammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 339 c.p.c., comma 3, per non essersi il Giudice di pace pronunciato secondo equità, ai sensi dell’art. 113 c.p.c., comma 2 ed averlo erroneamente fatto secondo diritto.

Avverso la sentenza del Tribunale di Trani il Ministero propone ricorso per Cassazione, fondato su un unico motivo.

L.M. è rimasto intimato.

Ritenuto che il ricorso principale potesse essere accolto, con la conseguente definibilità nelle forme di cui all’art. 380 bis c.p.c., in relazione all’art. 375 c.p.c., comma 1, n. 5), su proposta del relatore, regolarmente notificato al difensore dell’Amministrazione, il Presidente ha fissato l’adunanza della camera di consiglio.

Atteso che:

– con l’unico motivo il Ministero ricorrente denuncia, ex art. 360 c.p.c., n. 4, la nullità della sentenza per violazione della L. n. 689 del 1981, art. 23, comma undici, nonchè dell’art. 113 c.p.c., comma 2. In particolare, ad avviso del ricorrente la corte territoriale, violando le ordinarie regole in materia di opposizione a sanzione amministrativa, avrebbe erroneamente ritenuto applicabile alla specie l’art. 113 c.p.c., comma 2.

Il motivo è fondato.

preliminare osservare che, sin dalla modifica introdotta alla L. n. 689 del 1981, art. 23, comma 11, dalla D.Lgs. n. 507 del 1999, art. 99, è stato statuito che nei giudizi di opposizione a sanzione amministrativa, attribuiti alla competenza del giudice di pace, non si applica il disposto dell’art. 113 c.p.c., comma 2. In particolare secondo il consolidato orientamento di questa Corte, anche in assenza di un’apposita disposizione legislativa, quale quella di cui all’art. 23 cit., si arriverebbe alla medesima conclusione, in quanto le opposizioni, della L. n. 689 del 1981, ex art. 22 e ss. non rientrano nella competenza del giudice di pace, stabilita ratione valoris dall’art. 7 c.p.c., comma 1 (cui fa riferimento l’art. 113 c.p.c.), ma in quella speciale attribuita dalla stessa L. 689 cit. e successive modificazioni (art. 22 bis c.p.c.), ratione materiae, onde al riguardo non troverebbe in ogni caso applicazione il richiamato art. 113 c.p.c. (Cass. 30 aprile 2007 n. 23978; Cass. 16 maggio.2006 n. 21075; Cass. 1 febbraio 2006 n. 2231 e Cass. 10 marzo 2005 n. 5297).

Alla luce della statuizione normativa e dell’orientamento giurisprudenziale consolidatosi risulta, dunque, evidente l’errore in cui è incorso il giudice di merito nel dichiarare il ricorso inammissibile, dal momento che nella fattispecie tale giudice avrebbe dovuto pronunciare sentenza, come correttamente ha fatto, secondo diritto.

In conclusione, il ricorso va accolto, con cassazione dell’impugnata sentenza e rinvio al Tribunale di Trani, in persona di un diverso magistrato, il quale provvederà anche sulle spese del giudizio di legittimità

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso;

cassa la sentenza impugnata e rinvia al Tribunale di Trani, in persona di diverso magistrato, anche per le spese di legittimità.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della VI-2 Sezione Civile, il 26 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 30 luglio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA