Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16316 del 10/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 10/06/2021, (ud. 23/03/2021, dep. 10/06/2021), n.16316

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FERRO Massimo – Presidente –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10522-2020 proposto da:

F.E., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dagli avvocati MARIA PAOLA CABITZA, GIUSEPPE ONORATO;

– ricorrente –

contro

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO TRIBUNALE CAGLIARI;

– intimati –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS), in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– resistente –

contro

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI CAGLIARI;

– intimata –

avverso il decreto n. cronol. 534/2020 del TRIBUNALE di CAGLIARI,

depositato il 22/02/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 23/03/2021 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

F.E., nigeriano, ricorre per cassazione contro il decreto del tribunale di Cagliari che gli ha negato la protezione internazionale;

il Ministero dell’Interno ha depositato un semplice atto di costituzione.

Diritto

CONSIDERATO

che:

I. – il ricorrente denunzia nell’ordine: (i) la violazione o falsa applicazione dell’art. 5 t.u. imm., e del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32, per avere il tribunale omesso ogni disamina circa le condizioni generali del paese di provenienza; (ii) l’omessa valutazione di fatti decisivi a proposito della turbolenza esistente in Nigeria; (iii) la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), e del medesimo D.Lgs., artt. 3 e 5, a proposito del diniego di minaccia grave e individuale alla vita basato sulla non credibilità desunta da piccole imprecisioni del racconto; (iv) la violazione dell’art. 5 t.u. imm., per non avere il tribunale esaminati i presupposti della protezione umanitaria;

il ricorso è inammissibile in tutte le censure;

II. – la prima e la seconda sono assolutamente generiche, avendo il tribunale operato una ricostruzione puntuale della condizione della zona di provenienza del richiedente in base alle COI aggiornate;

III. – la terza postula una critica in fatto, avendo il tribunale dato conto, con congrua motivazione, delle ragioni di non credibilità del narrato;

IV. – la quarta è inammissibile, non essendo parametrata sulla motivazione della decisione in punto di fatto, avendo il tribunale rettamente eseguito la valutazione comparativa richiesta dalla giurisprudenza di questa Corte (Cass. Sez. U n. 29459 del 2019) mettendo in rilievo la totale mancanza di integrazione del richiedente in Italia, al di là della notoriamente insufficiente mera allegazione di un lavoro, peraltro precario; ha invero sottolineato la mancanza di indici di apprendimento della lingua e la mancanza di un qualunque sviluppo di situazioni affettive e amicali, come la partecipazione a corsi o iniziative sociali;

a tal riguardo la motivazione non è censurata mediante riferimento a fatti storici eventualmente omessi (Cass. Sez. U n. 8053 del 2014).

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 23 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 10 giugno 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA