Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16309 del 30/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 30/06/2017, (ud. 19/05/2017, dep.30/06/2017),  n. 16309

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – rel. Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 14281-2016 proposto da:

P.V., rappresentato e difeso dall’Avvocato GENEROSO DI

BIASE;

– ricorrente –

contro

P.D.A., P.L.V. e

P.O.F., rappresentati e difesi dagli Avvocati LAURA SALVANESCHI,

ALBERTO VILLA e MICHELA LO GIUDICE;

– resistenti –

avverso l’ordinanza n. 4419/2015 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 30/11/2015.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

19/05/2017 dal Consigliere GIUSTI ALBERTO.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che – decidendo sull’appello proposto da P.V. contro P.D.A. e altri avverso la sentenza del Tribunale di Milano pubblicata il 10 aprile 2015, in tema di rivendicazione – la Corte d’appello di Milano, con ordinanza ai sensi dell’art. 348 – ter c.p.c., depositata l’11 dicembre 2015, ha dichiarato inammissibile l’appello;

che avverso la detta ordinanza ex art. 348 – ter c.p.c., P.V. ha proposto ricorso per cassazione, con atto notificato il 31 maggio 2016, sulla base di un motivo;

che gli intimati non hanno resistito con controricorso, ma hanno depositato un atto di costituzione con procura speciale;

che la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380 – bis c.p.c., è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio;

che gli intimati hanno depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che ai sensi dell’art. 348 – ter c.p.c., il termine per il ricorso per cassazione decorre dalla comunicazione (o notificazione, se anteriore) dell’ordinanza dichiarativa dell’inammissibilità dell’appello;

che nella specie, a fronte della comunicazione dell’ordinanza avvenuta telematicamente lo stesso giorno del deposito, l’11 dicembre 2015, il ricorso per cassazione avverso l’ordinanza di inammissibilità è stato proposto soltanto il 31 maggio 2016, una volta scaduto il termine di sessanta giorni decorrente dall’11 dicembre 2015;

che il termine previsto dall’art. 348 – ter c.p.c., è da ritenersi applicabile anche all’impugnazione autonoma dell’ordinanza di inammissibilità dell’appello, nei casi in cui questa risulti consentita (Cass., Sez. 3, 13 ottobre 2016, n. 20662);

che il ricorso è, dunque, inammissibile;

che le spese in favore dei resistenti P.D.A., P.L.V. e P.O.F. seguono la soccombenza e vengano liquidate come da dispositivo;

che in punto di spese va fatta applicazione del principio secondo cui in tema di rito camerale di legittimità di cui alla L. n. 197 del 2016, art. 1 – bis, che ha convertito, con modificazioni, il D.L. n. 168 del 2016, applicabile, ai sensi del comma 2 dello stesso articolo, anche ai ricorsi depositati prima dell’entrata in vigore della legge di conversione per i quali non sia stata ancora fissata l’udienza o l’adunanza in camera di consiglio, la parte che abbia precedentemente depositato procura senza notificare alcun controricorso – perduta la facoltà di essere sentita in camera di consiglio per effetto delle norme sopravvenute – può esercitare la propria difesa presentando memoria scritta ai sensi dell’art. 380 – bis c.p.c., comma 2, e, in caso di soccombenza della controparte, ha diritto alla rifusione delle spese e dei compensi per il conferimento della procura e per l’attività difensiva così svolta (Cass., Sez. 6-3, 24 marzo 2017, n. 7701);

che ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 – quater, (inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17), applicabile ratione temporis (essendo stato il ricorso proposto successivamente al 30 gennaio 2013), ricorrono i presupposti per il raddoppio del versamento del contributo unificato da parte del ricorrente, a norma dello stesso art. 13, comma 1 – bis.

PQM

 

dichiara il ricorso inammissibile e condanna il ricorrente al rimborso delle spese processuali sostenute dai resistenti, che liquida in complessivi Euro 6.200, di cui Euro 6.000 per compensi, oltre a spese generali nella misura del 15% e ad accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 – quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 – bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta-2 Sezione civile, il 19 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 30 giugno 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA