Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16241 del 09/07/2010

Cassazione civile sez. lav., 09/07/2010, (ud. 19/02/2010, dep. 09/07/2010), n.16241

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – rel. Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 6747/2009 proposto da:

F.R., elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE IPPOCRATE

75, presso lo studio dell’Avvocato BATTAGLIA Vincenzo, che la

rappresenta e difende, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE UNIVERSITA’ E RICERCA, in persona del

Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende, ope legis;

– controricorrente –

e contro

CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI PER L’AREA DI CATANZARO;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1461/2008 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO

del 15/07/08, depositata il 23/09/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

19/02/2010 dal Consigliere Relatore Dott. FILIPPO CURCURUTO;

è presente il P.G. in persona del Generale Dott. MASSIMO FEDELI.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che:

F.R. con ricorso al Tribunale di Lamezia Terme – giudice del lavoro ha convenuto in giudizio il Ministero dell’Istruzione perchè fosse accertato il proprio diritto all’assunzione come collaboratore scolastico per il periodo 1 gennaio 2000 – 13 maggio 2001, con condanna dell’amministrazione al risarcimento del danno.

La domanda è stata rigettata e la F. ha impugnato la sentenza.

Con l’appello la F. ha contestato l’interpretazione data dal primo giudice al D.M. 23 giugno 1999, emanato in attuazione della L. n. 124 del 1999.

L’amministrazione nel resistere all’appello ha invocato la norma di interpretazione autentica dell’art. 8 della menzionata L. n. 124 del 1999, contenuta nella L. n. 266 del 2005, art. 1, comma 218.

L’appello è stato rigettato dalla Corte d’Appello di Catanzaro in adesione alle difese dell’amministrazione.

La F. ricorre per cassazione contro la sentenza per un motivo deducendo nullità della sentenza “per omessa motivazione”.

L’Amministrazione resiste con controricorso sollevando eccezione di inammissibilità per non conformità del ricorso alle disposizioni dell’art. 366 bis c.p.c..

L’eccezione di inammissibilità non è fondata, visto che il fatto decisivo è precisamente indicato nella circostanza che la decisione del giudice di appello riguarda una questione del tutto diversa da quella che ha formato oggetto del giudizio di primo grado e del ricorso in appello, sicchè sulle censure fatte valere con l’appello la motivazione è completamente omessa.

Dalla lettura della sentenza emerge poi che la Corte di merito ha deciso la controversia ritenendo che essa avesse ad oggetto il riconoscimento dell’anzianità giuridica al personale ATA a norma della L. n. 124 del 1999, art. 8, mentre, pur riguardando un lavoratore appartenente alla detta categoria, essa aveva il diverso oggetto indicato in precedenza.

Il ricorso è manifestamente fondato e va accolto con rinvio della sentenza alla stessa Corte d’appello che, in diversa composizione deciderà la controversia tenendo conto dell’effettivo oggetto della stessa e del reale contenuto del gravame, e provvederà anche sulle spese di questo giudizio.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese alla Corte di Appello di Catanzaro, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 19 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 9 luglio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA