Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16236 del 29/07/2020

Cassazione civile sez. VI, 29/07/2020, (ud. 05/03/2020, dep. 29/07/2020), n.16236

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 35938-2018 proposto da:

EURO COSTRUZIONI 2000 SRL IN LIQUIDAZIONE, in persona del liquidatore

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA G. GIOACCHINO

BELLI, 96, presso lo studio dell’avvocato PAOLO MEREU, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato ENRICO ALLEGRO;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (C.F. 06363391001), in persona del Direttore

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI

12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2086/1/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della LOMBARDIA, depositata il 09/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 05/03/2020 dal Consigliere Relatore Dott. VITTORIO

RAGONESI.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Commissione tributaria provinciale di Milano, con sentenza n. 9560/16,sez 42, accoglieva parzialmente il ricorso proposto dalla Euro Costruzioni 2000 srl avverso l’avviso di accertamento (OMISSIS) per Ires, Iva ed Irap 2008, annullando le sanzioni irrogate ma confermando nel resto l’atto di accertamento.

Avverso detta decisione l’Agenzia delle entrate proponeva appello innanzi alla CTR Lombardia.

La società contribuente si costituiva con controricorso e proponeva a sua volta appello incidentale.

Il giudice di seconde cure, con sentenza 2086 /2018, accoglieva l’impugnazione dell’Agenzia e rigettava quella incidentale della società.

Avverso la detta sentenza ha proposto ricorso per Cassazione la società contribuente sulla base di un motivo.

L’Agenzia delle Entrate ha resistito con controricorso.

La causa è stata discussa in camera di consiglio ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo di ricorso lamenta ” l’erroneo convincimento del giudice di secondo grado in ordine alla illegittimità dell’irrogazione delle sanzioni nonchè erroneo convincimento in ordine alle valutazioni delle presunzioni” e quindi sulla determinazione dell’ammontare dei tributi dovuti. Sostiene poi l’errata applicazione del D.Lgs. n. 472 del 1997, art. 6.

Il motivo è in parte inammissibile ed in parte infondato.

E’ inammissibile laddove tende ad effettuare una diversa ricostruzione dell’importo dei tributi con ciò contestando la pronuncia di secondo grado sotto il profilo dell’ammontare della debenza.

In particolare la ricorrente chiede a questa Corte di rivalutare la perizia di parte e chiede l’accoglimento del ricorso in relazione all’importo dei tributi sulla base di quanto da essa risultante.

Va osservato a tale ultimo proposito che la sentenza di secondo grado ha ritenuto non meritevole di esame la citata perizia con una motivazione espressa, non dando quindi luogo ad una omessa pronuncia su un fatto decisivo; questione peraltro neppure proposta dalla ricorrente

In sostanza, le censure della ricorrente, con cui si fa riferimento ad una fase giudiziaria in sede penale ed ad accertamenti peritali di parte, chiedono a questa Corte di effettuare una rivalutazione del merito della controversia che è inammissibile in questa sede di legittimità, senza dire che il motivo per questa parte sarebbe inammissibile sotto l’ulteriore profilo della mancanza di autosufficienza poichè avrebbe dovuto riportare nel ricorso il testo della perizia non avendo la Corte accesso agli atti della fase di merito.

Per quanto concerne poi l’altra doglianza relativa alle sanzioni, in relazione alle quali si chiede l’esenzione ai sensi del D.Lgs. n. 472 del 1997, art. 6, comma 3, la stessa è manifestamente infondata.

La giurisprudenza di questa Corte ha ripetutamente affermato che in tema di sanzioni amministrative tributarie, l’esimente di cui al D.Lgs. n. 472 del 1997, art. 6, comma 3, si applica in caso di inadempimento al pagamento di un tributo imputabile esclusivamente ad un soggetto terzo (di regola l’intermediario cui è stato attribuito l’incarico, oltre che della tenuta della contabilità e dell’effettuazione delle dichiarazioni fiscali, di provvedere ai pagamenti), purchè il contribuente abbia adempiuto all’obbligo di denuncia all’autorità giudiziaria e non abbia tenuto una condotta colpevole ai sensi dell’art. 5, comma 1, del decreto cit., nemmeno sotto il profilo della “culpa in vigilando”(Cass. 28359/18; Cass. 20113/12).

Nel caso di specie la sentenza impugnata ha rilevato che nessuna prova era stata fornita circa l’avvenuta denuncia all’autorità giudiziaria da parte della ricorrente nei confronti di un soggetto terzo tenuto al pagamento delle somme; soggetto che la ricorrente deduce che sarebbe stato l’amministratore giudiziario.

A tale ultimo proposito si osserva che i due requisiti per ottenere l’esenzione devono coesistere e la mancanza di uno dei due esclude la possibilità di usufruire del beneficio.

A prescindere quindi dalle vicende relative alla sussistenza o meno della condotta colpevole, la società avrebbe comunque dovuto presentare, una volta cessato il sequestro giudiziario e tornata in bonis, denuncia all’autorità giudiziaria nei confronti del soggetto che essa assume essere responsabile dell’erronea dichiarazione e del mancato pagamento dei tributi; circostanza che non è stata dedotta con il ricorso.

Il ricorso va dunque respinto. Segue alla soccombenza la condanna al pagamento delle spese del presente giudizio liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso; condanna la ricorrente al pagamento delle spese di giudizio liquidate in Euro 1/.000,00 oltre spese prenotate a debito. Si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale.

Così deciso in Roma, il 5 marzo 2020

Depositato in Cancelleria il 29 luglio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA