Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16181 del 28/07/2020

Cassazione civile sez. trib., 28/07/2020, (ud. 28/02/2020, dep. 28/07/2020), n.16181

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CATALDI Michele – rel. Consigliere –

Dott. CONDELLO Pasqualina A.P. – Consigliere –

Dott. NICASTRO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 15955/2013 R.G. proposto da:

B.D., rappresentato e difeso, per procura speciale in

atti, dall’Avv. Pasquale Tarricone e domiciliato presso lo studio

dell’Avv. Sergio Coccia in Roma, viale Trastevere, n. 78;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Campania n. 97/31/2012, depositata in data 30 aprile 2012;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 28 febbraio

2020 dal consigliere Dott. Cataldi Michele.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. L’Agenzia delle Entrate ha notificato a B.D. un avviso d’accertamento, in materia di Irpef, Irap ed Iva, relative all’anno d’imposta 2003, con il quale ha recuperato a tassazione il maggior reddito imponibile derivante dalla plusvalenza realizzata dal contribuente per effetto della cessione dell’azienda, avente ad oggetto l’attività di bar e pizzeria, della quale era titolare.

Infatti l’Ufficio aveva già rettificato in aumento, ai fini dell’imposta di registro e relativamente al valore di avviamento, il corrispettivo della cessione dell’azienda dichiarato, ed il relativo accertamento era divenuto definitivo.

Tanto premesso, l’Agenzia ha proceduto all’accertamento sub iudice, basato sul maggior valore dell’azienda ceduta, come accertato irrevocabilmente ai fini dell’imposta di registro.

2. Il contribuente ha proposto ricorso avverso l’accertamento in materia di Irpef, Irap ed Iva, dinnanzi la Commissione tributaria provinciale di Benevento, che lo ha accolto.

3. L’ufficio ha impugnato la sentenza di primo grado dinnanzi la Commissione tributaria regionale della Campania che, con la sentenza n. 97/31/2012, depositata in data 30 aprile 2012, ha accolto l’appello e, in riforma della decisione impugnata, ha respinto il ricorso del contribuente.

4. Il contribuente ha proposto ricorso per la cassazione della predetta sentenza d’appello, affidato a tre motivi.

5. L’Ufficio si è costituito con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Preliminarmente, deve darsi atto che il ricorrente ha depositato documentazione, definendola “relativa alla definizione agevolata dei carichi pendenti con l’Agenzia delle Entrate (rottamazione ter)”, non notificata alla controparte, la cui riferibilità all’atto impositivo sub iudice non è tuttavia accertabile in base ai dati fiscali identificativi rappresentati negli allegati.

Pertanto, non vi sono i presupposti per sospendere il giudizio o dare atto della cessazione della materia del contendere, e deve procedersi alla decisione nel merito del ricorso.

2. Con il primo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, il contribuente censura la sentenza impugnata per violazione e falsa applicazione dell’art. 2729 c.c.

Lamenta il ricorrente che il giudice a quo ha erroneamente affermato che la definitiva – perchè non impugnata – rettifica in aumento del valore di avviamento dell’azienda ceduta, effettuata ai fini dell’imposta di registro da applicare all’atto di cessione, possa integrare, di per sè sola, la presunzione della sussistenza anche di una correlata plusvalenza imponibile ai fini delle imposte sui redditi e dell’Iva.

Il motivo è fondato, nei termini che seguono.

Infatti il giudice a quo, accogliendo l’appello dell’Agenzia, ha censurato la sentenza di primo grado perchè si è discostata dall’orientamento costante di questa Corte secondo il quale l’Amministrazione finanziaria è legittimata a procedere in via induttiva all’accertamento del reddito da plusvalenza patrimoniale, realizzata a seguito di cessione immobiliare o d’azienda, sulla base del valore accertato definitivamente ai fini dell’imposta di registro, che si traduce nella presunzione di corrispondenza del prezzo incassato dalla cessione con il valore di mercato del bene ceduto, accertato in via definitiva in sede di applicazione dell’imposta di registro, con conseguente attribuzione al contribuente dell’onere della prova di avere, in concreto, venduto l’immobile o l’azienda ad un prezzo inferiore a quello così presunto. Tanto premesso, il giudice d’appello ha escluso che, nel caso di specie, il contribuente avesse fornito tale prova liberatoria.

Tuttavia, la decisione della CTR si è adeguata ad un orientamento giurisprudenziale anteriore alla sopravvenienza del D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 147, art. 5, comma 3, il quale dispone che: “Il testo unico delle imposte sui redditi, approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, artt. 58, 68, 85 e 86 e il D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, artt. 5,5 bis, 6 e 7, si interpretano nel senso che per le cessioni di immobili e di aziende nonchè per la costituzione e il trasferimento di diritti reali sugli stessi, l’esistenza di un maggior corrispettivo non è presumibile soltanto sulla base del valore, anche se dichiarato, accertato o definito ai fini dell’imposta di registro di cui al D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, ovvero delle imposte ipotecaria e catastale di cui al D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 347.”.

Ritenuto che tale disposizione abbia valore di interpretazione autentica della disciplina previgente da essa richiamata, e quindi sia munita di efficacia retroattiva, questa Corte ha mutato l’orientamento appena esposto, escludendo che, ai fini dell’accertamento delle imposte sui redditi, l’Amministrazione possa limitarsi a determinare, in via induttiva, la plusvalenza realizzata a seguito di cessione di immobile o di azienda solo sulla base del valore dichiarato, accertato o definito ai fini dell’imposta di registro (Cass. n. 9513/2018; Cass. n. 19227/2017; Cass. n. 12265/2017; Cass. n. 6135/2016; Cass. n. 11543/2016).

Pertanto, l’automatica trasposizione del valore dato al cespite ai fini dell’imposta di registro in sede di accertamento della plusvalenza per la tassazione IRPEF, non trova più ingresso in sede di valutazione della prova, nel senso che non è possibile ricondurre a quel solo dato il fondamento dell’accertamento, dovendo invece provvedere l’Ufficio a individuare ulteriori indizi, dotati di precisione, gravità e concordanza, che supportino adeguatamente il diverso valore della cessione rispetto a quanto dichiarato dal contribuente (così, da ultimo, in motivazione, Cass. 30/01/2019, n. 2610; Cass. 04/04/2019, n. 9453).

Allegate pertanto dall’Ufficio le prove, anche presuntive, del maggior valore del cespite ceduto, rispetto a quanto dichiarato dal contribuente, graverà su quest’ultimo l’onere di fornire la prova contraria contraddire alle risultanze probatorie che siano state offerte dall’Agenzia.

La sentenza impugnata non si è attenuta a tali principi e, pertanto, va cassata, con rinvio al giudice a quo, che dovrà traguardare gli elementi fattuali della controversia alla luce della predetta norma d’interpretazione autentica e dell’esposto orientamento giurisprudenziale che ne ha fatto applicazione.

3. Restano assorbiti gli ulteriori motivi, con i quali il ricorrente ha lamentato, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e la falsa applicazione del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39 e del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 66 (già art. 79) in ordine ai criteri relativi alla determinazione della sussistenza di una plusvalenza ed alla sua quantificazione (secondo motivo); e, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, la violazione e la falsa applicazione dell’art. 115 c.p.c., in ordine all’applicazione del principio di non contestazione in materia di valutazione delle risultanze istruttorie.

P.Q.M.

Accoglie, nei termini di cui in motivazione, il primo motivo di ricorso, e dichiara assorbiti i restanti;

cassa, in relazione al motivo accolto, la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione tributaria regionale della Campania, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 28 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 28 luglio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA