Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16134 del 28/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 28/06/2017, (ud. 22/05/2017, dep.28/06/2017),  n. 16134

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. PERRINO Angelina Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 13370/2010 R.G. proposto da:

C.S., rappresentato e difeso dall’avv. Remigio Sicilia,

con domicilio eletto in Roma, piazzale Clodio 14, presso lo studio

dell’avv. Francesca Romana Graziani;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, in persona del direttore pro tempore,

domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12, presso 12, l’Avvocatura

Generale dello Stato, che la rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del Lazio

depositata il 23 aprile 2009;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 22 maggio

2017 dal Consigliere Giuseppe Tedesco.

Fatto

FATTO E DIRITTO

ritenuto che la Commissione tributaria regionale del Lazio ha accolto l’appello dell’Agenzia delle entrate contro la sentenza di primo grado, interamente favorevole per la il contribuente in relazione a quattro avvisi di accertamento fondati su accertamenti bancari;

che il contribuente ha proposto ricorso per cassazione sulla base di tre motivi, cui l’Agenzia delle entrate reagisce con contro ricorso;

che il ricorso è inammissibile, in primo luogo perchè l’esposizione in fatto è operata con la trascrizione integrale del ricorso, della sentenza di primo grado e della sentenza impugnata, laddove questa Suprema corte ha oramai definitivamente chiarito che tale modo di procedere non soddisfa il requisito prescritto a pena di inammissibilità dell’art. 366 c.p.c. (Cass. 18020/2013);

che il ricorso è ancora inammissibile perchè i motivi di ricorso, relativamente a quelli che deducono violazione di legge (primo e secondo motivo) non contengono il quesito di diritto, e relativamente al terzo motivo, che deduce vizio di motivazione, non è corredato da idoneo momento di sintesi (si ricorda che al ricorso è applicabile ratione temporis, avuto riguardo alla data di pubblicazione della sentenza, l’art. 366-bis c.p.c., abrogato a decorrere dal 4 luglio 2009).

PQM

 

dichiara inammissibile il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità in favore della controricorrente, che liquida in Euro 30.000,00 per compensi, oltre alle spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 22 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 28 giugno 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA