Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16128 del 22/07/2011

Cassazione civile sez. I, 22/07/2011, (ud. 24/05/2011, dep. 22/07/2011), n.16128

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

G.N. (C.F. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA OMBRONE 12 -PALAZZINA C – INT. 13, presso

l’avvocato MORONI IGNAZIO, che lo rappresenta e difende unitamente

all’avvocato EGIDI ALDO, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

G.M.G., nella qualità di curatrice di

L.F., elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE G.

MAZZINI 134, presso l’avvocato SADURNY CLAUDIO, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato CONSONNI CHIARA GIOVANNA, giusta

procura speciale per Notaio dott. avv. GHERARDO FLAVIANO STIMOLO di

MEDE (PAVIA) – Rep. n. 195 del 6.3.2009;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1695/2008 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 12/06/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

24/05/2011 dal Consigliere Dott. ANTONIO DIDONE;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

LETTIERI Nicola che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO

1.- Con sentenza del 24.7.2006 il Tribunale di Busto Arsizio, nella causa di separazione personale giudiziale promossa da L. F. nei confronti di G.N., rigettata l’eccezione preliminare di difetto di valido consenso sollevata dal convenuto, ha dichiarato l’inefficacia della domanda attrice perchè all’udienza presidenziale l’attrice non si era presentata personalmente ma a mezzo di un procuratore speciale, la figlia G.M.. La Corte di appello di Milano, con sentenza del 12.6.2008, in riforma della decisione di primo grado, ha pronunciato la separazione personale dei predetti coniugi (la sig.ra L., inabilitata nel corso del giudizio di primo grado, assistita dal curatore G.M.) dichiarandola addebitabile al marito e ha emesso i provvedimenti relativi ai rapporti economici.

Contro la sentenza di appello G.N. ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi. Resiste con controricorso l’intimata, come sopra assistita.

1.1.- La presente sentenza è redatta con motivazione semplificata così come disposto dal Collegio in esito alla deliberazione in camera di consiglio.

2.1.- Con il primo motivo di ricorso il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione di norme di diritto ed errata applicazione di norma di legge alla fattispecie di causa (art. 707 c.p.c., comma 2 e art. 708 c.p.c.). Deduce che erroneamente la Corte di appello ha ritenuto applicabile la disciplina del divorzio (prima della modifica del 2005) nella parte in cui escludeva la necessaria presentazione personale delle parti in caso di gravi e comprovati motivi. Deduce che mai vi è stato tentativo di conciliazione.

2.2.- Con il secondo motivo parte ricorrente denuncia vizio di motivazione in ordine al proprio appello incidentale e alle richieste istruttorie formulate.

3.- Osserva la Corte che il ricorso – come eccepito anche da parte controricorrente – è inammissibile per violazione dell’art. 366 bis c.p.c. non essendo stato formulato il prescritto quesito di diritto quanto alla violazione di legge denunciata e mancando la sintesi del fatto controverso quanto al vizio di motivazione. Le spese del giudizio di legittimità — liquidate in dispositivo – seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida in complessivi Euro 1.500,00 di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali e accessori come per legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 24 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 22 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA