Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16128 del 09/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 09/06/2021, (ud. 15/04/2021, dep. 09/06/2021), n.16128

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. CATALDI Michele – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LO SARDO Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 36967/2019 R.G., proposto da:

l’Agenzia delle Entrate, con sede in Roma, in persona del Direttore

Generale pro tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, con sede in Roma, ove per legge domiciliata;

– ricorrente –

contro

la “DONDOLA S.r.l.”, con sede in Pesaro, in persona

dell’amministratore unico pro tempore, rappresentata e difesa

dall’avv. Alessandra Militerno, con studio in Roma, e dall’Avv.

Francesco Napolitano, con studio in Roma, ove elettivamente

domiciliata, giusta procura in margine al controricorso di

costituzione nel presente procedimento;

– controricorrente –

avverso la sentenza depositata dalla Commissione Tributaria Regionale

delle Marche il 6 agosto 2018 n. 498/06/2018, non notificata;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata (mediante collegamento da remoto, ai sensi del D.L. 28

ottobre 2020, n. 137, art. 23, comma 9, convertito nella L. 18

dicembre 2020, n. 176, con le modalità stabilite dal decreto reso

dal Direttore Generale dei Servizi Informativi ed Automatizzati del

Ministero della Giustizia il 2 novembre 2020) del 15 aprile 2021 dal

Dott. Giuseppe Lo Sardo.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato, preliminarmente, che la controricorrente ha eccepito la tardività del ricorso per cassazione sul presupposto dell’inapplicabilità della sospensione dei termini di impugnazione delle pronunce giurisdizionali D.L. 13 ottobre 2018, n. 119, ex art. 6, comma 11, convertito, con modificazioni, nella L. 17 dicembre 2018, n. 136, alle controversie in materia di cartelle di pagamento D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, ex art. 36-bis, le quali non costituirebbero (a suo dire) “atti impositivi” in senso stretto; considerato che la questione se l’impugnazione della cartella di pagamento scaturente dal c.d. controllo automatizzato D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, ex art. 36-bis, dia origine oppure no ad una controversia definibile in forma agevolata D.L. 13 ottobre 2018, n. 119, ex art. 6, comma 11, convertito, con modificazioni, nella L. 17 dicembre 2018, n. 136, è stata recentemente rimessa al Primo Presidente per la decisione delle Sezioni Unite di questa Corte (Cass., Sez. 5, 28 gennaio 2021, n. 1913);

ritenuto, pertanto, che è opportuno rinviare la causa a nuovo ruolo in attesa della pronunzia su tale questione, la quale ha valore pregiudiziale per la definizione del presente procedimento.

PQM

La Corte rimette la causa a nuovo ruolo in attesa della pronunzia delle Sezioni Unite sulla questione specificata in motivazione.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale effettuata da remoto, il 15 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA