Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16123 del 09/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 09/06/2021, (ud. 14/04/2021, dep. 09/06/2021), n.16123

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE X

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Presidente –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. CAPRIOLI Maura – rel. Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 30545-2019 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende, ope legis;

– ricorrente –

contro

C.M.C.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 248/7/2019 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE DELL’ABRUZZO, depositata l’08/03/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 14/04/2021 dal Consigliere Relatore Dott. MAURA

CAPRIOLI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

L’Agenzia delle Entrate ricorre con un unico motivo per la cassazione della sentenza n. 248/2019 della Commissione tributaria regionale dell’Abruzzo, sez. distacca di Pescara, che, in controversia concernente l’impugnativa del silenzio rifiuto sull’istanza di rimborso delle ritenute operate per gli anni di imposta 2009, 2010, 2011 e 2012 sui trattamenti pensionistici erogati dall’Inps per un importo complessivo di Euro 44.438,38, ha accolto l’appello del contribuente, riformando la sentenza della C.T.P. di Pescara, sfavorevole a quest’ultimo.

Con la sentenza impugnata, la C.T.R. riteneva che il contribuente avesse dimostrato, con la documentazione prodotta, la sussistenza delle condizioni per il rimborso delle trattenute IRPEF, poichè, per gli anni in oggetto, risultava fiscalmente residente in Svizzera dove aveva presentato dichiarazione dei redditi.

L’intimato non si è costituito.

L’Amministrazione finanziaria lamenta la violazione e falsa applicazione della Convenzione Italo-Svizzera, art. 29, comma 2, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 21, e dell’assenza di idoneo certificato e conseguente mancata dimostrazione della tassazione all’estero.

Sostiene infatti che in base alla richiamata previsione contenuta nella Convenzione le istanze di rimborso devono essere corredata da un attestato ufficiale dello Stato contraente di cui il contribuente è residente che attesti la sussistenza delle condizioni richieste per avere diritto all’applicazione dei benefici fiscali previsti dalla Convenzione.

Osserva che tale attestazione non può essere sostituita da altro documento ai fini probatori, come si evince dal medesimo art. 29, paragrafo 3.

La questione veicolata attraverso il predetto motivo non ha precedenti specifici sicchè appare opportuno rimettere la causa alla quinta sezione civile.

P.Q.M.

La Corte rimette la causa alla quinta sezione civile.

Così deciso in Roma, il 14 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA