Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16089 del 09/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 09/06/2021, (ud. 10/03/2021, dep. 09/06/2021), n.16089

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – rel. Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17692-2019 proposto da:

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’AVVOCATURA CENTRALE

DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati PATRIZIA

CIACCI, CLEMENTINA PULLI, MANUELA MASSA;

– ricorrente –

contro

N.G.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 2047/2018 del TRIBUNALE di NOCERA INFERIORE,

depositata il 07/12/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 10/03/2021 dal Consigliere Relatore Dott. GABRIELLA

MARCHESE.

 

Fatto

RILEVATO

che:

il Tribunale di Nocera Inferiore, con sentenza resa ai sensi dell’art. 445 bis c.p.c., comma 7, ha condannato l’INPS al pagamento dell’assegno mensile di assistenza;

ricorre per cassazione l’Inps, con un motivo, cui non ha opposto difese N.G.;

la proposta del relatore è stata ritualmente comunicata, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

con l’unico motivo di ricorso, l’INPS denuncia la violazione e la falsa applicazione dell’art. 2697 c.c., della L. n. 118 del 1971, art. 13, e dell’art. 112 c.p.c., per avere il Tribunale riconosciuto il diritto alla prestazione, in difetto dell’accertamento degli ulteriori requisiti socio-economici;

il motivo è fondato nei termini che seguono;

va premesso che l’impugnazione dell’INPS in ordine alla statuizione del Tribunale di accertamento del diritto (e di condanna) alla prestazione previdenziale riapre il riesame sull’intera questione che essa identifica (id est: quella appunto di riconoscimento del diritto alla prestazione previdenziale da parte del Giudice adito ai sensi dell’art. 445 bis c.p.c.) e consente al Collegio di riconsiderarla e riqualificarla anche per aspetti che non siano stati direttamente coinvolti dal motivo di gravame (v. in motivazione, per fattispecie analoga, Cass. n. 9929 del 2020 ed ivi ulteriori richiami);

si vuole cioè chiarire che il tema devoluto involge un profilo, più generale e a monte, che è quello relativo all’ambito di operatività del procedimento attivato ai sensi dell’art. 445 bis c.p.c.;

come questa Corte ha chiarito “Nelle controversie in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità, nonchè di pensione di inabilità e di assegno di invalidità ai sensi della L. n. 222 del 1984, la pronuncia emessa in esito al giudizio di cui all’art. 445 bis c.p.c., u.c., è per legge destinata a riguardare solo un elemento della fattispecie costitutiva (il c.d. requisito sanitario), sicchè quanto in essa deciso non può contenere un’efficace declaratoria sul diritto alla prestazione, che è destinata a sopravvenire solo in esito ad accertamenti relativi agli ulteriori requisiti socio-economici” (in termini, Cass. n. 27010 del 2018 confermata da Cass. n. 9755 del 2019 e, tra le pronunce di questa sesta sezione, da Cass. n. 29111 del 2019; Cass. n. 29683 del 2019; Cass. n. 9743 del 2020 e Cass. n. 9929 del 2020 cit);

l’orientamento richiamato delinea precisamente i confini del procedimento in questione e i limiti entro i quali il Giudice deve contenere l’accertamento giudiziale. Resta avulso dal thema decidendum il vaglio di elementi extrasanitari e, quindi, anche il potere del Giudice di emettere sentenza di accertamento del diritto e di condanna alla prestazione;

nel caso concreto, in difformità con quanto fin qui illustrato, il Tribunale ha condannato l’ente previdenziale all’erogazione del beneficio, anzichè limitarsi alla mera affermazione della sussistenza del requisito sanitario, positivamente riscontrato. In ragione di ciò deve accogliersi il ricorso di legittimità e cassare la sentenza nella parte in cui, previo accertamento del diritto all’assegno mensile di assistenza, ha condannato l’Inps al relative pagamento; per quanto innanzi, resta, invece, fermo l’accertamento del requisito sanitario, con le ulteriori statuizioni in ordine alle spese;

le oscillazioni giurisprudenziali di merito e le recenti pronunce di legittimità consigliano la compensazione delle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza nella parte in cui ha condannato l’Inps al pagamento dei ratei della prestazione, confermandola nel resto. Compensa le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 10 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA