Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16014 del 27/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 27/06/2017, (ud. 11/04/2017, dep.27/06/2017),  n. 16014

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – rel. Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23586/2015 proposto da:

AZIENDA STRADE LAZIO – ASTRAL S.P.A. – P.I. (OMISSIS), in persona

dell’Amministratore Unico e legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FLAMINIA, 357, presso lo

studio dell’avvocato EUGENIO TRISTANO, che la rappresenta e difende

unitamente e disgiuntamente all’avvocato STEFANO MANCINI;

– ricorrente –

contro

A.M.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1426/2015 della CORTE D’APPELLO ROMA,

depositata il 03/03/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata dell’11/04/2017 dal Consigliere Dott. MARCO MARULLI.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. Con il ricorso in atti parte ricorrente ha inteso chiedere la cassazione dell’impugnata sentenza sul rilievo che essa, in merito all’opposizione alla stima dell’indennità di esproprio D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, ex art. 54, ha ritenuto di respingere integralmente la domanda attrice, malgrado nella propria determinazione la Commissione peritale di cui al D.P.R. n. 327 del 2001, art. 41, avesse incluso, oltre all’indennità di esproprio dovuta per una nuova procedura, anche il deprezzamento subito da un fabbricato già oggetto di stima accettata irrevocabilmente dal proprietario in occasione di una precedente procedura di esproprio.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso è manifestamente fondato.

2. In relazione al primo motivo di ricorso va infatti osservato che secondo il costante insegnamento di questa Corte il contrasto insanabile tra dispositivo e motivazione è causa di nullità della sentenza, “quando il provvedimento risulti inidoneo a consentire l’individuazione del concreto comando giudiziale e, conseguentemente, del diritto o bene riconosciuto” (Cass., Sez. 5, 30/12/2015, n. 26077).

Nella specie è perciò inoppugnabile la sussistenza del denunciato vizio posto che, mentre la motivazione attiene alla sola indennità dovuta per il nuovo esproprio, il dispositivo, respingendo integralmente la domanda, ha implicitamente confermato la legittimità della stima anche con riferimento al deprezzamento.

3. Il ricorso va dunque accolto e, previa cassazione dell’impugnata sentenza, la causa va rinviata avanti al giudice a quo per il rinnovato scrutinio a mente dell’art. 383 c.p.c., comma 1.

PQM

 

Accoglie il ricorso, cassa l’impugnata sentenza e rinvia la causa avanti alla Corte d’Appello di Roma che in altra composizione provvederà pure alla liquidazione delle spese del presente giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 11 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 27 giugno 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA