Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15962 del 29/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 29/07/2016, (ud. 22/06/2016, dep. 29/07/2016), n.15962

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. CIGNA Mario – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 25987-2012 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso L’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

M.G.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 74//7/2011 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di VENEZIA – MESTRE del 10/05/2011, depositata il

27/09/2011;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22/06/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ROBERTO GIOVANNI CONTI.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

M.G., esercente l’attività di medico, impugnava dinanzi alla CTP d silenzio rifiuto maturato a seguito dell’istanza di rimborso dell’IRAP per gli anni da 1999 al 2004. La CTP accoglieva il ricorso e l’Agenzia proponeva appello. La sentenza veniva confermata di giudici di seconde cure, i quali statuivano che il contribuente aveva debitamente rappresentato e motivato la propria attività lavorativa, dimostrando l’inesistenza dei requisiti per l’applicabilità dell’imposta IRAP, quali l’autonoma organizzazione e spese significative per il possesso di beni strumentali. L’Agenzia ha proposto ricorso per Cassazione affidato a due motivi. Il contribuente non si è costituito.

Il ricorso è inammissibile, non risultando prodotta la cartolina di ricevimento della raccomandata contenente il ricorso per cassazione.

Nulla sulle spese.

PQM

La Corte, visti gli artt. 375 e 380 bis c.p.c. Dichiara inammissibile il ricorso.

Nulla sulle spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile, il 22 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 29 luglio 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA