Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15886 del 20/07/2011

Cassazione civile sez. III, 20/07/2011, (ud. 10/01/2011, dep. 20/07/2011), n.15886

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MASSERA Maurizio – Presidente –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – rel. Consigliere –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

G.G. (OMISSIS), M.B.

(OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, VIA GEROLAMO

BELLONI 88, presso lo studio dell’avvocato PROSPERETTI GIULIO, che li

rappresenta e difende, giusta procura speciale del Dott. Notaio 2011

ANTONIO MARZI, in SAN REMO, del 5/06/2008, rep. n. 59499;

– ricorrenti –

contro

A.A. nato a (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 1306/2007 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

Sezione Prima Civile, emessa il 12/12/2007, depositata il 08/01/2008,

r.g.n. 590/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10/01/2011 dal Consigliere Dott. MARIA MARGHERITA CHIARINI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VELARDI Maurizio che ha concluso per l’accoglimento del 1 e del 2

motivo assorbiti gli altri.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza 8 gennaio 2008 la Corte di appello di Genova ha confermato la sentenza di primo grado di rigetto della domanda di G.G. e M.B. di restituzione di immobile con pertinenze e di risarcimento danni ravvisando il titolo dell’occupazione nel contratto di comodato intercorso con la loro figlia per destinare i beni all’abitazione del nucleo familiare, che ne fruiva ancora dopo il decesso di costei.

I soccombenti ricorrono per cassazione notificando il ricorso tramite servizio postale al domicilio eletto. L’intimato non si è costituito.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

In mancanza della prova del perfezionamento della notificazione nei confronti del destinatario a norma dell’art. 149 cod. proc. e della L. 20 novembre 1982, n. 890 non avendo il difensore prodotto neppure all’udienza di discussione l’avviso di ricevimento della raccomandata, unico documento idoneo a dimostrare sia l’intervenuta consegna che la data di essa e l’identità e l’idoneità della persona a mani della quale è stata eseguita, segue che, ove tale mezzo sia stato adottato per la notifica del ricorso per cassazione, va dichiarata l’inammissibilità del ricorso per inesistenza della notificazione (ex multis Cass. 2722/2005, 16184/2009). Non si deve provvedere sulle spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 10 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 20 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA