Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15881 del 20/07/2011

Cassazione civile sez. un., 20/07/2011, (ud. 05/07/2011, dep. 20/07/2011), n.15881

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITTORIA Paolo – Primo presidente f.f. –

Dott. TRIOLA Roberto Michele – Presidente di sezione –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. PICCININNI Carlo – Consigliere –

Dott. BUCCIANTE Ettore – Consigliere –

Dott. AMOROSO Giovanni – Consigliere –

Dott. MORCAVALLO Ulpiano – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. TIRELLI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

P.D., domiciliato in (OMISSIS), in

giudizio di persona senza ministero di difensore;

– ricorrente –

nei confronti di:

Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Monza e Procuratore Generale

presso la Corte di cassazione;

– intimati –

per la cassazione della decisione n. 171, depositata il 27/10/2010

dal Consiglio Nazionale Forense;

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza de

5/7/2011 dal Relatore Cons. Francesco Tirelli;

Udito il Pubblico Ministero, in persona dell’Avvocato Generale

CENICCOLA Raffaele.

La Corte:

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che in data 27/5/2009 il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Monza ha inflitto la sanzione disciplinare della censura all’avv. P.D.;

che quest’ultimo ha proposto ricorso al Consiglio Nazionale Forense, che l’ha rigettato con decisione n. 71 del 18/3-27/10/2010;

che l’incolpato l’ha impugnata per cassazione e la trattazione della causa è stata fissata per l’udienza odierna del 5/7/2011;

che con fax in pari data, l’avv. P. ha fatto innanzitutto presente che a seguito dell’applicazione della sospensione cautelare, disposta dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Monza con delibera notificatagli il 27-29/6/2011, aveva perduto lo ius postulandi e la possibilità di continuare a difendersi da solo;

che in considerazione di quanto sopra nonchè del fatto che stante la brevità dei termini, non era riuscito a trovare un avvocato cassazionista che lo rappresentasse, l’avv. P. ha chiesto alla Suprema Corte di voler differire la discussione della causa ad altra udienza;

che l’istanza appare meritevole di accoglimento.

P.Q.M.

La Corte, a Sezioni Unite, rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 5 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 20 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA