Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15873 del 29/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 29/07/2016, (ud. 11/07/2016, dep. 29/07/2016), n.15873

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. DI STEFANO Pierluigi – rel. Consigliere –

Dott. SABATO Raffaele – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 9643-2012 proposto da:

M.S. SRL IN LIQUIDAZIONE in persona del liquidatore e

legale rappresentante, elettivamente domiciliata in ROMA VIA UGO DE

CAROLIS 77, presso lo studio dell’avvocato LUCIO LAURITA LONGO, che

la rappresenta e difende giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI MODENA in persona del

Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 17/2011 della COMM.TRIB.REG. di BOLOGNA,

depositata il 28/02/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

11/07/2016 dal Consigliere Dott. PIERLUIGI DI STEFANO;

udito per la ricorrente l’Avvocato LAURITA LONGO che ha chiesto

l’accoglimento;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DEL

CORE SERGIO che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

MOTIVI DELLA DECISIONE

M.S. Srl In Liquidazione propone ricorso avverso la sentenza della CTR Emilia Romagna 17/20/11 del 14/2/2011 che, riformando la sentenza di primo grado ad essa favorevole, confermava il provvedimento della Agenzia delle Entrate che escludeva che la società, esercente attività di organizzazione di concerti, potesse applicare l’Iva al 10%, prevista per i contratti di scrittura connessi agli spettacoli teatrali, anche per le prestazioni tecniche ed i rapporti tra produttore ed organizzatore.

La società, con unico motivo, deduce violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 16, comma 2 e della relativa Tabella A, parte terza, n. 119. A fronte di servizi strettamente accessori alla principale prestazione che era l’esibizione artistica degli artisti e dell’orchestra, andava applicata l’Iva al 10%.

La Agenzia delle Entrate ha presentato controricorso.

Il ricorso è infondato avendo questa Corte già ritenuto che “In tema di IVA, le attività spettacolistiche, di cui al punto 123 della Tabella A, parte terza, del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, si caratterizzano per il loro svolgimento davanti ad un pubblico, che ne è il diretto fruitore, e godono di un trattamento fiscale agevolato, disciplinato dall’art. 74 quater del cit. Decreto, che individua il momento in cui la prestazione si considera effettuata nell’inizio dell’esecuzione e prevede, quale documentazione fiscale, il biglietto di accesso allo spettacolo e non la fattura, sicchè in esse, anche alla luce dell’interpretazione offerta dalla Corte di Giustizia con la sentenza del 23 ottobre 2003, in C-109/02, non rientra la vendita di uno spettacolo dal produttore all’organizzatore. (Sez. 5, Sentenza n. 12280 del 12/06/2015, Rv. 635729). In motivazione: “… viene esclusa la applicabilità alla prestazione in esame della specifica agevolazione prevista dal punto 123 della Tabella, che elenca le attività spettacolistiche rese al pubblico (D.P.R. n. 633 del 1972, ex art. 74 quater) che godono dell’aliquota agevolata, sulla considerazione che la prestazione, oggetto del rilievo, non è resa al pubblico ma all’organizzatore, ed il richiamo ad excludendum al punto 123 della Tabella è diretto.

…. viene esclusa la applicabilità alla prestazione in esame della specifica agevolazione prevista dal punto 119 della Tabella, che riguarda i contratti di scrittura connessi a spettacoli teatrali, individuabili mediante il richiamo indiretto al punto 123 della Tabella, sulla considerazione che nel caso in esame i contratti di scrittura non sono connessi a spettacoli teatrali, ma a concerti vocali e musicali, ed il richiamo ad excludendum al punto 123 della Tabella è indiretto e mediato dall’applicazione della Risoluzione dell’Agenzia delle entrate n. 83/E del 2004.

Le spese, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

PQM

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento di Euro 1,500 per compensi, oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 11 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 29 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA