Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15849 del 06/07/2010

Cassazione civile sez. III, 06/07/2010, (ud. 03/05/2010, dep. 06/07/2010), n.15849

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VARRONE Michele – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. FILADORO Camillo – Consigliere –

Dott. URBAN Giancarlo – rel. Consigliere –

Dott. AMBROSIO Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

M.G. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente domiciliato in

Roma, presso la Cancelleria della Corte di Cassazione ai sensi

dell’art. 366 c.p.c., comma 2, rappresentato e difeso dall’avv.

Salomè Antonio e dall’avv. Salvatore Salomè giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

SAI ASSICURAZIONI s.p.a., in persona del legale rappresentante,

domiciliato in Napoli, Via Monfalcone n. 50, presso lo studio

dell’avv. Napoletano Pasquale;

– intimata –

e contro

A.N., domiciliato in (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza del Giudice di Pace di Pozzuoli n. 2454/05 in

data 7 settembre 2004, pubblicata in data 30 maggio 2005;

Udita la relazione del Consigliere dott. URBAN Giancarlo;

udito il P.M. in persona del Cons. LECCISI Giampaolo che si è

riportato alle conclusioni scritte.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 30 maggio 2005 il Giudice di Pace di Pozzuoli, pur riconosciuta la responsabilità esclusiva di A.N. in ordine all’incidente stradale avvenuto in data (OMISSIS), non avendo lo stesso osservato l’obbligo di fermarsi segnalato da un “stop”, rigettava la domanda di risarcimento del danno proposta da M.G. nei confronti dello stesso e di SAI Fondiaria s.p.a., sul rilievo che non era stata data la prova del danno (richiesto in misura pari ad Euro 1.000,00).

Ricorre per cassazione M.G. avverso la sentenza indicata con due motivi.

Le parti intimate non hanno svolto difese.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorrente denuncia con il primo motivo la violazione dell’art. 112 c.p.c. e l’omessa, erronea insufficiente e contraddittoria motivazione in relazione alla mancata ammissione di C.T.U. per la quantificazione del danno; con il secondo motivo si denuncia la violazione dell’art. 1226 c.c. e l’omessa, erronea insufficiente e contraddittoria motivazione in relazione alla mancata liquidazione del danno in via equitativa.

Il ricorso è fondato: risulta dagli atti (dichiarazioni dei testi e fotografie dell’auto incidentata) che l’auto del ricorrente riportò evidenti danni sulla fiancata sinistra; il Giudice di Pace avrebbe quindi dovuto fare ricorso alla liquidazione in via equitativa, sussistendo i presupposti di cui all’art. 1226 c.c., ed essendo stata già dimostrata l’esistenza del danno (Cass. 15 febbraio 2008 n. 3794).

La sentenza impugnata deve essere quindi cassata, con rinvio, anche per la liquidazione delle spese del presente giudizio di cassazione, al Giudice di Pace di Pozzuoli.

PQM

La Corte Suprema di Cassazione, Terza Sezione Civile, accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per la liquidazione delle spese del giudizio di cassazione, al Giudice di Pace di Pozzuoli.

Così deciso in Roma, il 3 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 6 luglio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA