Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15838 del 05/07/2010

Cassazione civile sez. I, 05/07/2010, (ud. 17/06/2010, dep. 05/07/2010), n.15838

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITRONE Ugo – rel. Presidente –

Dott. FIORETTI Francesco Maria – Consigliere –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

A.F.E., elettivamente domiciliata in Roma, Via

Paolo Emilio, n. 57, presso l’avv. Bilotta Roberto (studio Greco),

unitamente all’avv. Vetere Salvatore che la rappresenta e difende per

procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del ministro in carica,

elettivamente domiciliato in Roma, Via dei Portoghesi, n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato che lo rappresenta e difende per

legge;

– controricorrente –

avverso il decreto della Corte d’Appello di Salerno n. 948 cron.,

pubblicato il 14 giugno 2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 1 –

7 giugno 2010 dal Relatore Pres. VITRONE Ugo;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PRATIS Pierfelice, che ha con eluso per la dichiarazione di

inammissibilita’ del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso del 10 giugno 2006 F.E. da A. chiedeva alla Corte d’Appello di Salerno la condanna del Ministero della Giustizia al pagamento di un equo indennizzo per la non ragionevole durata del processo da lei promosso dinanzi al Tribunale di Cosenza – Sezione distaccata di San Marco Argentano, definito con sentenza del 16 giugno 2004 e tuttora pendente in grado di appello.

Con decreto del 14 dicembre 2006 – 14 giugno 2007 la corte adita rigettava la domanda osservando che il processo di primo grado, la cui prima udienza era stata tenuta il 21 aprile 1999, era stato interrotto per un anno all’udienza del (OMISSIS) per morte del procuratore dell’attrice ed era percio’ stato definito in termini ragionevoli, mentre il processo di appello, tuttora in corso, non esorbitava dai termini all’uopo previsti.

Contro il decreto ricorre per cassazione A.F.E. con un solo motivo.

Resiste con controricorso il Ministero della Giustizia.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

La ricorrente si duole che il decreto impugnato abbia fatto decorrere l’inizio del processo dall’udienza di comparizione e non dalla data di iscrizione a ruolo della causa e che, inoltre, nel procedere al calcolo della durata del processo, avrebbe scomputato l’intero periodo dell’interruzione senza scomputare il lasso di tempo intercorso tra il deposito del ricorso in riassunzione e la data dell’udienza fissata dal giudice istruttore per la prosecuzione del processo.

Il ricorso e’ inammissibile per difetto di autosufficienza poiche’ le censure della ricorrente hanno una portata del tutto generica in quanto non consentono, cosi’ come articolate, alcuna valutazio-ne in ordine alla loro fondatezza.

Va infatti considerato che nel ricorso non vie ne indicata la data di iscrizione a ruolo della causa (rectius: della notificazione della citazione introduttiva) e neppure quella del deposito del ricorso in riassunzione del giudizio interrotto e cio’ non consente percio’ di verificare la sussistenza della dedotta errata determinazione della durata del processo presupposto, non potendo procedersi al l’esame diretto degli atti in presenza di una censura di violazione di legge.

In conclusione, percio’, il ricorso dev’essere dichiarato inammissibile.

Le spese giudiziali seguono la soccombenza.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese giudiziali che liquida in complessivi Euro 1.000,00, oltre al rimborso delle spese prenotate a debito.

Cosi’ deciso in Roma, il 17 giugno 2010.

Depositato in Cancelleria il 5 luglio 2010

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA