Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15795 del 02/07/2010

Cassazione civile sez. lav., 02/07/2010, (ud. 11/05/2010, dep. 02/07/2010), n.15795

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIDIRI Guido – Presidente –

Dott. DE RENZIS Alessandro – Consigliere –

Dott. STILE Paolo – Consigliere –

Dott. IANNIELLO Antonio – Consigliere –

Dott. MELIADO’ Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.N.P.A.F. – CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE, in

persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA BOCCA DI LEONE 78, presso lo studio

dell’avvocato LUCIANI MASSIMO, che la rappresenta e difende, giusta

mandato a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

F.F.R., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA G.

PISANELLI 2, presso lo studio dell’avvocato LEOPARDI PAOLO, che lo

rappresenta e difende, giusta mandato a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1703/2006 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 26/06/2006 r.q.n. 1614/04;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

11/05/2010 dal Consigliere Dott. MELIADO’ Giuseppe;

udito l’Avvocato ISABELLA ANGELINI per delega MASSIMO LUCIANI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FUCCI Costantino, che ha concluso per: estinzione e, in subordine

inammissibilita’.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza in data 22.2 – 26.6.2006 la Corte di appello di Roma confermava la sentenza resa dal Tribunale di Roma il 28.10.2003, che rigettava l’opposizione proposta dalla Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense avverso il decreto ingiuntivo emesso, su istanza di F.F.R., per la liquidazione dell’indennita’ di maternita’ D.Lgs. n. 151 del 2001, ex art. 70 nella misura dell’80% dei 5/12 del reddito percepito e denunciato nel secondo anno precedente la domanda. Osservava in sintesi la corte territoriale che, sulla base dell’inequivoca formulazione letterale della norma del D.Lgs. n. 151 del 2001, art. 70, l’indennita’ di maternita’ spettante alle libere professioniste doveva essere commisurata al reddito percepito e denunciato ai fini fiscali, e non anche a quello contributivo, rilevante ai fini della determinazione del trattamento pensionistico, e che tale interpretazione risultava conforme alla funzione di tutela della maternita’, costituzionalmente rilevante, ai sensi dell’art. 31 Cost., comma 2.

Per la cassazione della sentenza propone ricorso la Cassa nazionale di previdenza ed assistenza forense con due motivi. Resiste con controricorso e memoria F.F.R..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, svolto ai sensi dell’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5 in relazione al D.Lgs. n. 151 del 2001, art. 70, la Cassa ricorrente lamenta che l’interpretazione offerta dalla corte territoriale, sebbene conforme alla lettera della norma, risultava in contraddizione (pur nel testo anteriore alla riforma del 2003, che aveva introdotto un “tetto” alle indennita’ erogabili) con la sua logica e con il sistema della previdenza forense, che, per finalita’ sotidaristiche, rendeva irrilevanti, per la determinazione delle prestazioni previdenziali, ai sensi della L. n. 576 del 1980, art. 10 i redditi eccedenti il limite (del 10%) stabilito per la contribuzione obbligatoria. Con il secondo subordinato motivo, la ricorrente reitera la questione di illegittimita’ costituzionale dell’art. 70 cit. in relazione agli artt. 3, 31 e 38 Cost., osservando come la mancata previsione di un “tetto” imponesse del tutto irragionevolmente agli enti previdenziali di categoria di erogare importi di notevole valore economico, equiparando categorie disomogenee (quali i lavoratori autonomi e quelli subordinati), senza che cio’ fosse necessario ai fini di una effettiva tutela della maternita’, per come dimostrava anche la modifica, ad opera della L. n. 289 del 2003, art. 1 del testo originario della norma.

La Cassa ricorrente ha depositato, in data 7.5.2010, atto di rinuncia al ricorso, notificato alla controparte, la quale, dichiarando di non accettare la rinuncia, ha insistito per la liquidazione delle spese.

Il ricorso va, pertanto, dichiarato estinto, dovendosi ribadire il principio per cui la rinuncia al ricorso per cassazione produce l’estinzione del processo anche in assenza di accettazione, in quanto tale atto non ha carattere “accettizio” (non richiede, cioe’, l’accettazione di controparte per essere produttivo di effetti processuali) e, determinando il passaggio in giudicato della sentenza impugnata, comporta il venir meno dell’interesse a contrastare l’impugnazione (v. da ultimo Cass. (ord) n. 21894/2009; Cass. (ord) n. 23840/2008; SU n. 3876/2010, la quale ultima sottolinea, comunque, la necessita’ della notificazione o comunicazione dell’atto di rinuncia alle parti costituite). Le spese vanno poste a carico della parte rinunciante.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara estinto il giudizio e condanna la ricorrente al pagamento delle spese che liquida in Euro 15,00 per esborsi ed in Euro 2.500,00 per onorario di avvocato, oltre a spese generali, IVA e CPA. Cosi’ deciso in Roma, il 11 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 2 luglio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA