Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15787 del 02/07/2010

Cassazione civile sez. I, 02/07/2010, (ud. 15/06/2010, dep. 02/07/2010), n.15787

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CARNEVALE Corrado – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – rel. Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. PICCININNI Carlo – Consigliere –

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

L.S. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, PIAZZALE DELLE BELLE ARTI 1, presso l’avvocato

DE PAOLA GABRIELE, che lo rappresenta e difende, giusta procura in

calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI;

– intimata –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositato il

16/03/2005;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

15/06/2010 dal Consigliere Dott. RORDORF Renato;

lette le conclusioni scritte del Sostituto Procuratore Generale dott.

RUSSO Libertino Alberto che chiede che accolga il ricorso per

manifesta fondatezza.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con decreto emesso il 16 marzo 2005 la Corte d’appello di Roma rigetto’ il ricorso col quale il sig. L.S. aveva chiesto il riconoscimento di un equo indennizzo per l’eccessiva durata di un giudizio da lui promosso dinanzi alla Corte dei conti.

Reputo’ la corte d’appello che, pur avendo detto giudizio ecceduto di circa quattro anni il limite di ragionevole durata, l’indennizzo non fosse dovuto: poiche’ il ricorrente non aveva fornito prova alcuna di aver sofferto danni, ne’ cio’ poteva presumersi, atteso sia il ritardo con cui l’azione era stata promossa dinanzi al giudice contabile, rispetto al momento il cui era sorto il diritto azionato, sia la verosimile consapevolezza della mancanza di fondamento della pretesa fatta valere in quel giudizio alla stregua della prevalente giurisprudenza in materia.

Per la cassazione di tale provvedimento il sig. L. ha proposto ricorso, articolato in tre motivi.

L’amministrazione intimata non ha svolto difese in questa sede.

Il Procuratore generale, avendo reputato il ricorso manifestamente fondato, ne ha chiesto l’accoglimento previa trattazione con rito camerale.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso e’ fondato.

Il danno non patrimoniale e’ conseguenza normale, ancorche’ non automatica e necessaria, della violazione del diritto alla ragionevole durata del processo: sicche’, pur dovendo escludersi la configurabilita’ di un danno non patrimoniale in re ipsa – ossia di un danno automaticamente e necessariamente insito nell’accertamento della violazione – il giudice che abbia accertato l’eccessiva durata ragionevole del processo deve riconoscere alla parte il diritto all’equa riparazione ogniqualvolta non ricorrano, nel caso concreto, circostanze particolari che facciano positivamente escludere che vi sia stato un pregiudizio per il ricorrente.

In tal senso si e’ ripetute volte espressa questa corte, la quale ha altresi’ escluso che, a questi fini, possa rilevare un’asserita consapevolezza da parte dell’istante della scarsa probabilita’ di successo dell’iniziativa giudiziaria, ove facciano difetto positivi elementi di riscontro in tal senso (cfr., tra le altre, Cass. n. 24269 del 2008). Ed, infatti, la circostanza che la causa di merito abbia avuto esito negativo, sia pure prevedibile, e’ irrilevante ai fini del riconoscimento del danno non patrimoniale, giacche’ l’esito favorevole della lite non condiziona il diritto alla ragionevole durata del p A processo, ne’ incide di per se’ sulla pretesa indennitaria, della parte che abbia dovuto sopportare l’eccessivo protrarsi della causa, salvo che essa si sia resa responsabile di lite temeraria o, comunque, di un vero e proprio abuso del processo (Cass. n. 24107 del 2009).

Le circostanze a tal riguardo evidenziate nell’impugnato decreto non appaiono, pero’, logicamente idonee a sorreggere l’ipotesi che, nel caso in esame, il ricorrente avesse promosso l’azione dinanzi alla Corte dei conti con piena coscienza dell’infondatezza della sua pretesa (la stessa corte territoriale, d’altronde, si limita a parlare di “probabile infondatezza”). Del tutto ininfluente, rispetto ad una valutazione siffatta, e’ il maggiore o minor tempo intercorso tra il momento in cui detta pretesa avrebbe potuto essere azionata e quello in cui e’ stata in effetti assunta l’iniziativa giudiziaria;

ne’ certo la generica affermazione dell’esistenza di un indirizzo giurisprudenziale in prevalenza contrario alla tesi sostenuta in causa dalla parte basta a dimostrare la temerarieta’ della pretesa.

Il ricorso va percio’ accolto, con conseguente cassazione del decreto impugnato.

Essendo stato gia’ accertato che il giudizio dinanzi alla Corte dei conti ha ecceduto di quattro anni il limite di ragionevole durata, e’ senz’altro possibile decidere sin d’ora la causa nel merito, facendo applicazione in via equitativa dei criteri di liquidazione adoperati in casi, analoghi dalla giurisprudenza europea, cosi’ come da quella nazionale, alla stregua dei quali il danno non patrimoniale sofferto dal ricorrente nel presente caso e’ quantificabile in complessivi Euro 3.500,00.

L’amministrazione intimata va percio’ condannata al pagamento della somma sopra indicata, con interessi legali dalla data della domanda.

La medesima amministrazione dovra’ altresi’ rimborsare al ricorrente le spese processuali.

Tali spese, con riferimento al giudizio di merito, vengono liquidate in Euro 878,00 (di cui 450,00 per onorari e 378,00 per diritti) e per il giudizio di legittimita’ in Euro 655,00 (di cui 555,00 per onorari), oltre alle spese generali ed agli accessori di legge.

PQM

LA CORTE accoglie il ricorso, cassa l’impugnato decreto e, decidendo nel merito, condanna l’amministrazione intimata a corrispondere al ricorrente la somma di Euro 3.500,00, con interessi legali dalla domanda, nonche’ al pagamento delle spese processuali, liquidate in complessivi Euro 878,00 per il giudizio di merito ed in complessivi Euro 655,00 per quello di legittimita’, oltre alle spese generali ed agli accessori di legge.

Cosi’ deciso in Roma, il 15 giugno 2010.

Depositato in Cancelleria il 2 luglio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA