Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15778 del 12/06/2019

Cassazione civile sez. I, 12/06/2019, (ud. 21/12/2018, dep. 12/06/2019), n.15778

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3180/2014 proposto da:

Banca Della Campania S.p.a., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in Roma Via Lucullo n. 3, presso

lo studio dell’avvocato Sole Gianluca, rappresentata e difesa

dall’avvocato Volino Edoardo, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Curatela Fallimento (OMISSIS) S.p.a. in liquidazione in persona del

curatore fallimentare N.T., elettivamente domiciliato in

Roma Via Portuense n. 104, presso lo studio della Sig.ra De Angelis

Antonia, rappresentato e difeso dall’avvocato Parrilli Giuseppina,

giusta procura in calce al ricorso;

– controricorrente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di SALERNO, depositato il

02/12/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

21/12/2018 dal cons. Paola Vella.

Fatto

RILEVATO

che:

– la Banca Della Campania S.p.a. (poi fusa per incorporazione in Banca Popolare dell’Emilia Romagna soc. coop., oggi BPER BANCA S.p.A.) ha impugnato il decreto del Tribunale di Salerno di rigetto della sua opposizione allo stato passivo del Fallimento (OMISSIS) S.p.a. in liquidazione, con ricorso per cassazione affidato a tre motivi, cui la curatela intimata ha resistito con controricorso;

– successivamente l’avv. Edoardo Volino, munito di procura speciale, ha depositato atto di rinuncia al ricorso del 26/09/2018, ritualmente notificato alla controparte, stante il sopravvenuto accordo transattivo tra le parti, anche in termini di compensazione delle spese di lite.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– sussistono i presupposti per l’estinzione del giudizio a spese compensate, ai sensi degli artt. 390 e 391 c.p.c.;

– non va invece disposto il pagamento del doppio contributo, trattandosi di meccanismo sanzionatorio (previsto dal D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, come modificato nel 2012) volto a scoraggiare le impugnazioni dilatorie o pretestuose e quindi non applicabile alle ipotesi di inammissibilità sopravvenuta (ex multis Cass. nn. 13636/15, 3542/2017, 15996/2018).

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio. Compensa le spese tra le parti. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17 dà atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 21 dicembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 12 giugno 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA