Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15728 del 18/07/2011

Cassazione civile sez. III, 18/07/2011, (ud. 06/06/2011, dep. 18/07/2011), n.15728

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FILADORO Camillo – Presidente –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – rel. Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 22629-2008 proposto da:

ORTOFRUTTICOLA CIOCIARA S.R.L. (OMISSIS) in persona

dell’Amministratore Unico Sig. B.M., elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA TIMAVO 3, presso lo studio dell’avvocato

MAURO LIVI, rappresentata e difesa dagli avvocati TRAVAGLIA PAOLO

giusta procura speciale del Dott. Notaio LUIGI LOTITO 1448 in S0RA

26/5/2011 rep. n. 2239, RUFFINI GIOVANNI giusta delega in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

UNICREDIT CREDIT MANAGEMENT BANK S.P.A. (OMISSIS) (già UGC BANCA

S.P.A.) in persona del Dott. M.G., elettivamente

domiciliata in ROMA, LUNGOTEVERE ARNALDO DA BRESCIA 9-10, presso lo

studio dell’avvocato FIORETTI ANDREA, rappresentata e difesa

dall’avvocato PASTORINO PAOLO GIAMPIERO giusta delega in calce al

controricorso;

– controricorrente –

e contro

MEDIOCREDITO CENTRALE S.P.A., BIANCO S.A.S. (OMISSIS);

– intimati –

nonchè da:

BIANCO S.A.S. DI BIANCO ARRIGO PAOLO & C. (OMISSIS) in persona

del procuratore speciale BI.MI.PA., elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA CHIANA 48, presso lo studio dell’avvocato

ALEANDRI STEFANO, rappresentata e difesa dall’avvocato QUADRINI

GIANPIERO giusta delega a margine del controricorso e ricorso

incidentale;

– ricorrenti incidentali –

contro

ORTOFRUTTICOLA CIOCIARA S.R.L. (OMISSIS) in persona

dell’Amministratore Unico Sig. B.M., elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA TIMAVO 3, presso lo studio dell’avvocato

LIVI MAURO, rappresentata e difesa dall’avvocato RUFFINI GIOVANNI

giusta delega in calce al controricorso;

– controricorrente all’incidentale –

e contro

MEDIOCREDITO CENTRALE SPA, UNICREDIT CREDIT MANAGEMENT BANK SPA

(OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 435/2008 del TRIBUNALE di CASSINO, emessa il

27/6/2008, depositata il 30/06/2008, R.G.N. 1379/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/06/2011 dal Consigliere Dott. FRANCO DE STEFANO;

udito l’Avvocato BRUNO BRUNO per delega dell’Avvocato GIOVANNI

RUFFINI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PATRONE Ignazio Giovanni che ha chiesto il rigetto del ricorso

principale e assorbimento dell’incidentale.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1.1. Con sentenza n. 435/08, pubblicata il 30 giugno 2008 e notificata il 21 luglio successivo, il Tribunale di Cassino ha rigettato l’opposizione agli atti esecutivi dispiegata dalla Ortofrutticola Ciociara srl, debitrice esecutata nella procedura esecutiva n. 60/01 r.g.e., con cui questa si è doluta – nel contraddittorio con la procedente Mediocredito Centrale spa, l’altra creditrice Capitalia spa e l’aggiudicataria Bianco s.a.s. – di vizi di notifica del decreto di fissazione dell’udienza di comparizione e, per derivazione, di tutti gli atti successivi del processo esecutivo.

1.2. Avverso tale sentenza propone ricorso per cassazione, affidandosi a due motivi, la soccombente debitrice, notificandolo tra gli altri alla UniCredit Credit Management Bank spa nella dedotta qualità di succeditrice di Capitalia spa. La destinataria della notifica produce controricorso, con il quale contesta, in primo luogo, la propria legittimazione passiva, negando la qualità di succeditrice della Capitalia; dispiega ricorso incidentale la Bianco s.a.s., articolato su tre motivi, cui resiste con ulteriore controricorso la Ortofrutticola Ciociara srl; soltanto il Mediocredito Centrale non deposita controricorso. E, per la pubblica udienza del 6 giugno 2011, costituitosi nuovo difensore per la ricorrente principale, solo questa principale illustra le sue ragioni con memoria ai sensi dell’art. 378 cod. proc. civ. e partecipa alla discussione orale.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

2. La ricorrente – che, con il controricorso avverso il ricorso incidentale di Bianco s.a.s., insta pure per un termine per la rinnovazione della notifica a Capitalia spa – sviluppa due motivi:

2.1. con un primo (alle pagine da 6 a 16 del ricorso, rubricato:

“violazione e falsa applicazione degli artt. 24 e 111 Cost., della L. n. 890 del 1982, art. 1, art. 8, comma 1 e art. 9 in materia di notificazione a mezzo posta, con riferimento agli artt. 160, 485 e 617 c.p.c.”), essa si duole dell’erroneità della qualificazione di ritualità di una notificazione eseguita ad un indirizzo errato (al (OMISSIS)) e recante la mera indicazione di “rifiutato”, ritenendo non potersi questa riferire al legale rappresentante della società destinataria; e conclude con il seguente quesito di diritto (a pag. 19 del ricorso):

dica l’Ecc.ma Corte di Cassazione se, in caso di notificazione a mezzo posta ad una società, sia applicabile la presunzione, derivante dall’interpretazione della L. 20 novembre 1982, n. 890, art. 8 secondo cui, nel caso di rifiuto di ricevere il plico, pur non venendo indicate nè la qualità, nè le generalità della persona che ha opposto il rifiuto, questo debba ritenersi comunque espresso dal destinatario, legale rappresentante, anche nel caso – come quello in esame – in cui: a) l’indirizzo indicato sul plico sia provatamente errato; b) non risulti alcuna annotazione da parte dell’agente postale da cui ricavare che lo stesso ha comunque rintracciato e si è recato all’esatto indirizzo; c) esatto indirizzo riferibile, peraltro, all’ufficio di un terzo (il sig. D.G.C.) presso il quale la società destinataria ha domiciliato la propria sede, con la conseguenza della materiale impossibilità di reperirvi l’Amministratore (che ha i propri uffici operativi in tutt’altro luogo) e quindi con la necessità di indicare le generalità della persona rinvenuta essendo, in tal caso, del tutto presumibile, se non certo, che sia diversa dal destinatario;

2.2. con un secondo (alle pagine 16 e 17 del ricorso, rubricato:

“violazione ed erronea applicazione dell’art. 2700 c.c. e dell’art. 221 c.p.c. in relazione alla L. n. 890 del 1992, art. 8”), essa si duole della erroneità della presunzione di riferibilità dell’espressione del rifiuto di riceversi l’atto notificato al legale rappresentante della società destinataria; e conclude con il seguente quesito di diritto (a pag. 20 del ricorso): nel caso in cui l’agente postale non indichi le generalità della persona che si è rifiutata di ricevere il plico e l’opponente contesti la presunzione secondo cui, nella corrente interpretazione della L. 12 novembre 1982, n. 890, art. 8, detto rifiuto sarebbe da attribuire al destinatario; tenuto conto che non si contesta alcuna falsa attestazione e che, essendo il plico indirizzato ad un recapito errato è presumibile che il rifiuto sia stato opposto da persona diversa dal destinatario, trattandosi di omissioni (costituite dal non aver indicato l’indirizzo presso il quale è avvenuto il tentativo di consegna del plico, nè le qualità e generalità di chi ha opposto il rifiuto) e non di una falsa od erronea attestazione, dica l’Ecc.ma Corte di Cassazione se, per contestare la suddetta presunzione nell’ambito di un’opposizione all’esecuzione, sia non necessario proporre una querela di falso nei confronti dell’agente postale ed, in tal caso, se l’opposizione ed i motivi di contestazione vadano comunque vagliati dal giudice che sugli stessi dovrà pronunciarsi nel merito.

3. Dal canto suo, invocato da parte della Unicredit Credit Management Bank spa il rigetto del ricorso principale, la Bianco s.a.s.

dispiega, dopo avere sostenuto l’infondatezza dei motivi a sostegno del ricorso principale, ricorso incidentale per l’ipotesi di accoglimento del principale, a sua volta articolato su tre motivi:

circa l’irrilevanza dell’omessa notifica dell’ordinanza ex art. 569 c.p.c., per carenza di doglianza su omesse notifiche di atti successivi; circa la tardività dell’opposizione agli atti esecutivi, avendo la debitrice avuto contezza della pendenza della procedura esecutiva da tempo di gran lunga anteriore al dispiegamento dell’opposizione stessa; circa la salvezza degli effetti della vendita forzata, ai sensi dell’art. 2929 cod. civ., in quanto insensibile ai vizi delle fasi anteriori alla vendita.

4. Una volta disposta la riunione dei due ricorsi, siccome proposti entrambi contro la stessa sentenza, va notato che, benchè non sia stato correttamente integrato il contraddittorio nei confronti della Capitalia spa, l’inammissibilità del ricorso principale rende superflua la rinnovazione della notifica ad essa del ricorso introduttivo del presente giudizio di legittimità: nel giudizio di cassazione, il rispetto del principio della ragionevole durata del processo impone, in presenza di un’evidente ragione di inammissibilità del ricorso, di definire con immediatezza il procedimento, senza la preventiva integrazione del contraddittorio nei confronti di litisconsorti necessari cui il ricorso non risulti notificato, trattandosi di un’attività processuale del tutto ininfluente sull’esito del giudizio (Cass. Sez. Un., 22 marzo 2010, n. 6826).

5. Infatti, alla stregua della questione ritualmente posta con il primo motivo di ricorso incidentale, il ricorso principale deve dichiararsi inammissibile, perchè i quesiti a suo sostegno non si fanno carico della necessaria prospettazione dell’interesse a proporre l’opposizione stessa, indotta appunto dalle questioni riproposte regolarmente anche in questa sede dalla ricorrente incidentale:

5.1. è noto invero che, non sussistendo nel processo esecutivo un vero e proprio diritto al contraddittorio, in quanto – in difetto di questioni di diritto, da risolversi con sentenza – in ordine alle operazioni per lo più materiali di trasformazione in denaro di parte del suo patrimonio il debitore non vanta posizioni di diritto soggettivo in senso stretto, per la proposizione di una opposizione agli atti esecutivi non basta la sussistenza di un vizio formale dell’atto, ma occorre anche che questo abbia condotto alla compressione illegittima di altre facoltà processuali dell’opponente, specificamente da indicare nell’atto di opposizione quale dimostrazione di un concreto interesse ad opporsi (per tutte e fra le più recenti: Cass. 2 novembre 2010, n. 22279; Cass. 20 novembre 2009, n. 24532; Cass. 25 agosto 2006, n. 18513; Cass. 26 gennaio 2005, n. 1618; Cass. 19 agosto 2003, n. 12122);

5.2. nel caso in esame, invece, non si allega nè si deduce – se non altro nei quesiti, soli a determinare l’ambito del giudizio di legittimità, nel regime di cui all’art. 366-bis cod. proc. civ. (come introdotto dal D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, art. 6 applicabile – in virtù dell’art. 27, comma 2 del medesimo decreto – ai ricorsi per cassazione proposti avverso le sentenze e gli altri provvedimenti pubblicati a decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto, cioè dal 2 marzo 2006, senza che possa rilevare la sua abrogazione ad opera della L. 18 giugno 2009, n. 69, art. 47, comma 1, lett. d) in virtù della disciplina transitoria dell’art. 58 della medesima legge) – nemmeno quale concreto svantaggio – oltretutto dinanzi all’espressa prospettazione dell’avvenuta contezza della pendenza della procedura durante le operazioni dell’esperto stimatore, oggetto peraltro del secondo motivo di ricorso incidentale – avrebbe ricevuto il debitore dall’omessa comunicazione del decreto di fissazione dell’udienza di comparizione delle parti finalizzata alla prosecuzione della procedura.

6. L’inammissibilità del ricorso principale determina l’assorbimento di quello incidentale e la soccombenza della Ortofrutticola Ciociara srl, cui consegue la condanna di questa alle spese sostenute dalle controricorrenti, mentre non vi è luogo a provvedere sulle spese del giudizio di legittimità nei rapporti con le parti intimate che qui non hanno svolto attività difensiva.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso principale ed assorbito quello incidentale; condanna la Ortofrutticola Ciociara srl, in pers.

del leg. rappr.nte p.t., al pagamento, in favore della Bianco sas di Bianco Arrigo Paolo e C. e della Unicredit Credit Management Bank spa, ciascuna in pers. del rispettivo leg. rappr.nte p.t., delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in Euro 5.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, per ciascuna di dette controricorrenti.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della terza sezione civile della Corte suprema di cassazione, il 6 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 18 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA