Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15704 del 02/07/2010

Cassazione civile sez. III, 02/07/2010, (ud. 29/04/2010, dep. 02/07/2010), n.15704

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI NANNI Luigi Francesco – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. URBAN Giancarlo – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 8397/2006 proposto da:

S.K., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA LUCULLO 3,

presso lo studio dell’avvocato ADRAGNA Nicola, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato CANTINELLI PAOLO giusta procura

speciale del Sostituto Notaio RENE’ HYI, in VEELKLINGEN 6/10/2005,

rep. n. 941;

– ricorrente –

contro

ASSITALIA-LE ASSICURAZIONI D’ITALIA S.P.A. (OMISSIS) in persona del

suo Procuratore Speciale Dott. A.M., elettivamente

domiciliata in ROMA, P.ZZA MARTIRI DI BELFIORE 2, presso lo studio

dell’avvocato CILIBERTI Giuseppe, che la rappresenta e difende

giusta delega in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

S.V.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 54/2005 del TRIBUNALE di BERGAMO SEDE

DISTACCALA DI CLUSONE, emessa il 22/4/2005, depositata il

22/04/2005, R.G.N. 10221/2003;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

29/04/2010 dai. Consigliere Dott. GIOVANNI BATTISTA PETTI;

udito l’Avvocato NICOLA ADRAGNA;

udito l’Avvocato GAETANO ALESSI per delega dell’Avvocato GIUSEPPE

CLLIBERTI;

udito il P.M., in persona de Sostituto Procuratore Generale Dott.

MARINELLI Vincenzo, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. La signora S.K. nella veste di danneggiata, con citazione conveniva dinanzi al giudice di pace di Lovere, il proprietario assicurato S.V. e la assicuratrice Assitalia, chiedendone la condanna al risarcimento di tutti i danni conseguenti ad un incidente stradale del (OMISSIS) nel corso del quale la Ford Fiesta condotta da R.A., ma di proprietà ed assicurata dal S., con una manovra di sorpasso a destra determinava lo scontro con la Toyota condotta dalla attrice.

2. Il giudice di Pace con la sentenza n. 97 del 2003 rigettava la domanda attrice e compensava tra le parti le spese di lite.

3. Contro la decisione ha proposto appello la S. insistendo per la condanna delle parti convenute al risarcimento dei danni e chiedendo in via istruttoria la ammissione di prove già richieste nello atto di citazione in riassunzione. Resisteva la società assicuratrice e proponeva appello incidentale in punto di compensazione delle spese; restava contumace il S..

4. Il Tribunale di Bergamo, quale giudice di appello, con sentenza del 22 aprile 2005 rigettava gli appelli principale e incidentale e compensava le spese del grado tra le parti.

5. Contro la decisione ricorre S. deducendo unico complesso motivo di ricorso; resiste la assicuratrice con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

6. Il ricorso non merita accoglimento.

Nel motivo di gravame si deduce “Violazione e falsa applicazione dello art. 350 c.p.c. e vizio di motivazione; violazione dell’art. 281 ter c.p.c.; contradditorietà e violazione dello art. 24 Cost., comma 2, in relazione allo art. 360 c.p.c., n. 5”.

La tesi svolta a sostegno delle violazioni denunciate consiste nel denunciare il vizio della motivazione della sentenza di appello, per non avere ammesso le prove testimoniali che erano state dedotte dinanzi al giudice di pace di Lovere nella citazione in riassunzione. La mancata ammissione di tali prove ha poi pregiudicato il diritto della difesa, costituzionalmente garantito.

Il motivo di ricorso risulta infondato per la ragione che non centra la ratio decidendi di ordine processuale, correttamente rilevata dalla Corte di appello, secondo cui la parte, in sede di appello, chiedendo il rinvio della causa per le conclusioni, ha rinunziato alla assunzione delle prove in sede di appello.

Neppure il Tribunale, quale giudice di appello, vincolato al principio dispositivo, avrebbe potuto ammetterle di ufficio, atteso che non si trattava di prove acquisite al processo e dunque non ancora ammesse.

Non sussiste pertanto alcun error in procedendo in ordine alle norme processuali richiamate, e la motivazione appare coerente al rispetto delle regole processuali ed al principio della disponibilità delle prove, senza che risulti violato alcun diritto della difesa. Vedi sul punto Cass. 12241 del 2002 e Cass. n. 91 del 2007.

Al rigetto del ricorso segue la condanna della ricorrente alle spese ed onorari di questo giudizio si cassazione, in favore della resistente Assitalia, nella misura indicata in dispositivo.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente S.K. a rifondere alla Assitalia spa la somma di Euro 1800,00 di cui Euro 200,00 per spese, oltre accessori e spese generali come per legge.

Così deciso in Roma, il 29 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 2 luglio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA