Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1570 del 20/01/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 20/01/2017, (ud. 16/11/2016, dep.20/01/2017),  n. 1570

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2918-2015 proposto da:

R.M.G., B.G.E., elettivamente domiciliati

in ROMA, VIA VALSAVARANCHE 46/D, presso lo studio dell’avvocato

CHIARA SANTI, rappresentati e difesi dall’avvocato GIULIO MOSETTI

giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

AGENZIe DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DEII0 STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 96/03/2013 della Commissione Tributaria

REGIONALE, di TRIESTE del 7/10/2013, depositata il 02/12/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/11/2016 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLA VELLA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, costituito il contraddittorio camerale sulla relazione prevista dall’art. 380 bis c.p.c. e disposta la motivazione semplificata, osserva:

1. I ricorrenti propongono unico motivo di ricorso (“violazione di norme di diritto”) per carenza di motivazione dell’avviso impugnato.

2. L’amministrazione controricorrente eccepisce del ricorso per difetto di autosufficienza e la sua infondatezza.

3. Trattandosi di giudizio iniziato successivamente al 4/7/09 (data di entrata in vigore della L. n. 69 del 2009), il ricorso è tardivo, in quanto notificato a mezzo p.e.c. il 3/2/2015 contro una sentenza pubblicata il 2/12/2013 e non notificata, in violazione del termine annuale ex art. 327 c.p.c. vigente ratione temporis, maggiorato di 46 giorni computati ex numerazione dierum (art. 155 c.p.c., comma 1, e L. n. 742 del 1969, art. 1, comma 1).

4. Seguono l’inammissibilità del ricorso e la condanna alle spese del giudizio di legittimità, liquidate in dispositivo.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in Euro 2.300,00 oltre spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 16 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 20 gennaio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA