Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15699 del 28/07/2016

Cassazione civile sez. I, 28/07/2016, (ud. 24/05/2016, dep. 28/07/2016), n.15699

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALVAGO Salvatore – Presidente –

Dott. SAMBITO Maria G.C. – Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 6183-2011 proposto da:

IMPRESA COSTRUZIONI GEOMETRA C.M. (c.f. (OMISSIS)), in

persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIALE GORIZIA 22, presso l’avvocato GIUSEPPE

LUDOVICO MOTTI BARSINI, che la rappresenta e difende unitamente

all’avvocato GABRIELE DARA, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI CASTELTERMINI;

– intimato –

nonchè da:

COMUNE DI CASTELTERMINI (c.f. (OMISSIS)), in persona del Sindaco pro

tempore, domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CANCELLERIA

CIVILE DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato ANTONINO MARIA CREMONA, giusta procura a margine del

controricorso e ricorso incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

IMPRESA COSTRUZIONI GEOMETRA C.M.;

– intimata-

avverso la sentenza n. 19/2010 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 18/01/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

24/05/2016 dal Consigliere Dott. TERRUSI Francesco;

udito, per la ricorrente, l’Avvocato GABRIELE DARA che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso principale, il rigetto dell’incidentale;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE

RENZIS Luisa che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

C.M. convenne il comune di Casteltermini dinanzi al tribunale di Agrigento per sentirne pronunciare la condanna al risarcimento dei danni conseguenti alla ritardata emissione del certificato di abitabilità di alcuni alloggi di edilizia abitativa.

Il tribunale rigettò la domanda affermando che al comune non era da ascrivere colpa alcuna: il ritardo dei certificati era dipeso dal comportamento dell’attore, che aveva allegato una destinazione urbanistica diversa da quella effettiva ed era stato sottoposto, per questo, a procedimento penale; ne era derivato il sequestro di tutta la documentazione necessaria alla conclusione del procedimento amministrativo sicchè il ritardo era stato infine giustificato dalle cautele imposte in pendenza del procedimento penale.

Il gravame del M. è stato respinto dalla corte d’appello di Palermo, che ha confermato quanto ritenuto dal tribunale a sostegno della affermata insussistenza della colpa del comune nel rilascio dei certificati, ma ha anteposto altresì la considerazione che in ogni caso la domanda di risarcimento dei danni non avrebbe potuto trovare accoglimento, non potendosi configurare un diritto soggettivo del privato al rilascio del certificato di abitabilità e non essendo configurabile il risarcimento del danno da lesione di interessi legittimi. Per la cassazione della sentenza, depositata il 18-1-2010 e non notificata, M. ha proposto ricorso sorretto da due motivi.

Il comune ha replicato con controricorso.

Le parti hanno depositato una memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Il ricorrente denunzia nell’ordine:

(1) violazione e falsa applicazione dell’art. 2043 c.c., e vizio di motivazione, per essersi la corte d’appello di Palermo posta in contrasto con quanto stabilito dalle sezioni unite di questa corte con la nota sentenza n. 500 – 99, in ordine alla piena risarcibilità della lesione dell’interesse legittimo;

(2) violazione e falsa applicazione dell’art. 2043 c.c., e vizio di motivazione per avere la corte d’appello conseguentemente errato nel ritenere assorbita la doglianza relativa alla mancata quantificazione del danno.

2. – Il ricorso è inammissibile in quanto, come già evidenziato, l’impugnata sentenza, certamente erronea nel profilo afferente la affermata non risarcibilità del danno da lesione di interessi legittimi, contiene anche una seconda ratio decidendi.

Tale è quella espressa dal rilievo, in tutto conforme alla conclusione già dal tribunale rassegnata, che nessuna colpa era ascrivibile al comune nel ritardato rilascio della certificazione amministrativa.

Codesta seconda ratio non è stata censurata.

Poichè il ricorso per cassazione non introduce un terzo grado di giudizio tramite il quale far valere la mera ingiustizia della sentenza impugnata, ma si caratterizza, invece, come un rimedio impugnatorio, a critica vincolata e a cognizione determinata dall’ambito della denuncia attraverso il vizio o i vizi dedotti, ne consegue che, qualora la decisione impugnata si fondi su di una pluralità di ragioni, tra loro distinte ed autonome, ciascuna delle quali logicamente e giuridicamente sufficiente a sorreggerla, è inammissibile, per difetto di interesse, il ricorso che non formuli specifiche doglianze avverso una di tali rationes decidendi (cfr. ex aliis Sez. un. n. 7931-13; Sez. 3^, n. 2108-12; Sez. lav. n. 3386-11; Sez. 3^ n. 13070-07).

Consequenziale è la condanna del ricorrente alle spese processuali.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile e condanna il ricorrente alle spese processuali, che liquida in Euro 7.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori e maggiorazione di spese generale nella percentuale di legge.

Così deciso in Roma, il nella Camera di Consiglio della prima sezione civile, il 24 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 28 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA