Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15695 del 04/06/2021

Cassazione civile sez. I, 04/06/2021, (ud. 20/04/2021, dep. 04/06/2021), n.15695

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. VANNUCCI Marco – rel. Consigliere –

Dott. CARADONNA Lunella – Consigliere –

Dott. FIDANZIA Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 17132/2020 proposto da:

E.L., elettivamente domiciliato in Roma, presso la cancelleria

della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso dall’avvocato

Paolo Folco per procura speciale redatta su foglio allegato al

ricorso;

– ricorrente –

contro

Prefetto della Provincia di Udine;

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 119/2020 del Giudice di Pace di Udine,

depositata il 5 giugno 2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

20 aprile 2021 dal Consigliere Vannucci Marco.

 

Fatto

OSSERVATO

che il ricorso presentato da E.L. è per la cassazione dell’ordinanza emessa il 5 giugno 2020 dal Giudice di pace di Udine, recante rigetto dell’impugnazione da tale persona proposta contro il decreto dispositivo della sua espulsione dal territorio dello Stato emesso dal Prefetto della Provincia di Udine il 11 dicembre 2019;

che tale ricorso è stato notificato al Prefetto di Udine il 16 giugno 2020 mediante sua consegna negli uffici in Roma dell’Avvocatura generale dello Stato;

che la parte pubblica intimata non si è costituita in questa sede;

che nel giudizio di merito definito con la sopra indicata ordinanza la difesa del Prefetto non è stata assunta dall’Avvocatura dello Stato;

che il ricorso per la cassazione di ordinanza definitiva di procedimento di opposizione al decreto prefettizio di espulsione dello straniero va promosso nei confronti dell’autorità che ha emanato il decreto (id est, il Prefetto), in ragione dell’autonomia funzionale ad essa attribuita nel giudizio di opposizione all’espulsione dello straniero, e, altresì, quando questa non sia stato difesa dall’Avvocatura dello Stato, notificato presso di essa (in questo senso, cfr., per tutte: Cass. n. 12265 del 2019; Cass. n. 28852 del 2005);

che, la notificazione del ricorso all’Avvocatura dello Stato che nel giudizio di merito non si sia costituita per il Prefetto è dunque nulla e di essa deve essere disposta la rinnovazione in applicazione dell’art. 291 c.p.c..

P.Q.M.

rinvia la causa a nuovo ruolo assegnando al ricorrente termine di sessanta giorni, decorrente dalla comunicazione della presente ordinanza, per la notificazione del ricorso al Prefetto della Provincia di Udine presso il suo ufficio.

Così deciso in Roma, il 20 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 4 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA