Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15694 del 02/07/2010

Cassazione civile sez. III, 02/07/2010, (ud. 09/03/2010, dep. 02/07/2010), n.15694

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. UCCELLA Fulvio – Consigliere –

Dott. URBAN Giancarlo – Consigliere –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – rel. Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 34631/2006 proposto da:

C.A., (OMISSIS), elettivamente domiciliata

in ROMA, VIA ZANARDELLI 20, presso lo studio dell’avvocato BUONAFEDE

Achille, che la rappresenta e difende giusta delega a margine del

ricorso;

– ricorrente –

e contro

BC & PARTNERS SRL;

– intimata –

avverso la sentenza n. 46264/2005 del GIUDICE DI PACE di ROMA,

Sezione Terza Civile, emessa il 31/10/2005, depositata il 02/11/2005;

R.G.N. 37392/2005.

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

09/03/2010 dal Consigliere Dott. GIACOMO TRAVAGLINO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CARESTIA Antonietta, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

IN FATTO

La BC & Partners convenne in giudizio, dinanzi al giudice di pace di Roma, C.A., per sentirla condannare al pagamento della somma di 79,00 Euro a titolo di rateo di premio polizza assicurativa non versato.

La domanda fu accolta.

La sentenza è stata impugnata dalla C. con ricorso per cassazione sorretto da 2^ motivi.

Parte intimata non ha svolto attività difensiva.

Diritto

IN DIRITTO

Il ricorso è fondato.

Con il primo motivo, si denuncia violazione e falsa applicazione di norme di diritto (artt. 101, 115 e 320 c.p.c., art. 81 disp. att. c.p.c., art. 2702 c.c., art. 24 Cost.).

Il motivo va accolto.

E’ difatti evidente l’error iuris in cui è incorso il giudice di prossimità che, in violazione del disposto dell’art. 216 del codice di rito civile, ha del tutto omesso di considerare che la parte che intenda valersi di una scrittura privata disconosciuta deve chiederne la verificazione – ciò che, nella specie, non risulta essere mai avvenuto – onde la giuridica impossibilità di attribuire alla polizza oggetto di lite il valore di scrittura privata (del tutto irrilevante processualmente dovendosi ritenere il contenuto delle note conclusive presentate dinanzi al giudice di merito dall’odierna resistente).

All’accoglimento del motivo in esame consegue l’assorbimento del secondo.

Non essendo necessari ulteriori accertamenti di merito, la domanda va pertanto rigettata per difetto di prova.

La disciplina delle spese – che possono per motivi di equità essere in questa sede compensate – segue come da dispositivo.

P.Q.M.

La corte accoglie il ricorso e, decidendo nel merito, rigetta la domanda. Spese dell’intero giudizio interamente compensate.

Così deciso in Roma, il 9 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 2 luglio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA